Riflessioni post-PauperGeddon by Niccolò Peccetti

Sono passati 10 giorni dal PauperGeddon Firenze e oggi vi vorrei parlare delle conclusioni a cui sono arrivato sul mazzo che ho giocato (che trovate qui), dei cambi che ho fatto post-Geddon e di come è messo sia nel meta online sia in quello real.

Dividerò l’articolo in tre parti:

  • Lista aggiornata
  • Cambiamenti tutt’ora attuabili
  • Qualche riflessione sul Geddon e su come si comporta il mazzo nel meta

Partiamo subito guardando la lista aggiornata:

Dinrova Tron

Maindeck: (60)
Dimir Signet
Expedition Map
Prophetic Prism
Dinrova Horror
Mnemonic Wall
Mulldrifter
Ulamog’s Crusher
Condescend
Crop Rotation
Exclude
Forbidden Alchemy
Ghostly Flicker
Moment’s Peace
Mystical Teachings
Pulse of Murasa
Prohibit
Impulse
Bojuka Bog
Island
Remote Isle
Shimmering Grotto
Thornwood Falls
Urza’s Mine
Urza’s Power Plant
Urza’s Tower
Izzet Guildgate
Rolling Thunder
Sideboard: (15)
Fangren Marauder
Wretched Gryff
Electrickery
Dispel
Hydroblast
Ancient Grudge
Pyroblast
Serene Heart
Echoing Decay
Radiant Fountain
Probe

Come potete notare subito lo scheletro della lista formato da Teaching, Moment’s Peace, Pulse of Murasa è rimasto lo stesso; così come il reparto creature: Mnemonic Wall + Ghostly Flicker è una macchina ben oliata che non cambierei per niente al mondo. Nello specifico i cambiamenti più sostanziali riguardano le spell di contorno:

– 1 Moment’s Peace + 1 Rolling Thunder: quando siamo in lock di Fog vogliamo chiudere o almeno pulire il board avversario, 6 effetti-fog mi sembrano più che abbastanza per guadagnare tempo.

-2 Sea Gate Oracle +2 Impulse: ho fatto storcere il naso a tantissime persone per questa cosa, ma mi ritrovo sempre a volermi tenere open di counter di 2° e 3° turno e quindi avevo bisogno di una risorsa da lanciare a velocità instant.

-1 Dinrova Horror +1 Ulamog’s Crusher: ci da l’inevitabilità delle partenze nuts di Tron, facendo lui di quarto tantissimi mazzi ammucchiano visto che non hanno removal sufficienti a contrastarlo.

Questi cambiamenti mi hanno soddisfatto per adesso: Rolling Thunder vince tante partite in quanto inaspettato in questo tipo di Trono.deck, e credo che la scelta del peschino sia solo questione di gusti e di meta.

Per il secondo punto dell’articolo possiamo andare in due direzioni ben distinte: online si vedono liste che eliminano il comparto fog pur lasciando lo splash di nero per Dinrova Horror e altre liste che eliminano il comparto counter per andare verso una strategia più all-in del tipo ramp-fog-fog.

Ora nel primo caso ci troviamo davanti ad un semplicissimo Murasa Tron che vuole avere una chiusura in più rispetto al solito Rolling Thunder riciclato dai Muri. Nel secondo caso invece (e ringrazio Kungfutrees, qui trovate la sua lista) possiamo parlare di un mazzo-combo (molto più simile a TurboFog che a EsperFamiliar per intenderci) che porta all’estremo il concetto che sta alla base del mazzo: fog tutti i turni e poi Rolling Thunder da quanto basta, con un piano B di tutto rispetto con la combo Muro-Flicker-Horror.

Sicuramente io proverò la seconda versione ma non mi sento di dire che una è migliore dell’altra o viceversa.

Per quanto riguarda il terzo ed ultimo punto dell’articolo le statistiche dovrebbero parlare da sole:

  • 5,67% di rappresentanza su MTGO fra tutti i mazzi 5-0
  • 2 rappresentanti, 1 in top8 e 1 in top16 al PauperGeddon

Quindi il mazzo è solido, si attesta fra i Tier1,5 senza alcun problema: l’unione delle terre di Trono con le spell (sulla carta) più forti del Pauper lo portano ad avere delle mani con cui è praticamente impossibile perdere; altre volte invece le partite si rivelano delle remate senza senso ma grazie ad un minimo di conoscenza del mazzo stesso e del meta pauper possiamo portarle a casa tranquillamente. Non mi sento di dire che non ha matchup negativi (Delver.deck sono tutt’ora una spina nel fianco) ma sicuramente lo ritengo una scelta ottima per quanto riguarda il meta italiano intriso ancora di midrange di vario genere (ho visto troppi monoB al Geddon) che sono il pasto preferito di questa lista.

Per oggi è tutto, vi prometto almeno un altro approfondimento su questo mazzo nelle prossime settimane (magari sulla lista più fog-allin), e mi impegnerò a lasciarvi una tabella con i risultati dei miei test e delle mie partite con questo archetipo!

Stay hungry, stay Pauper!

Pecce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *