Report Top 8 Autumn Series [Pauper] by Dungeon Street

Salve a tutti i lettori di Magic Titans! La settimana scorsa si è svolta la Top 8 della Autumn Series della nostra Lega Pauper Toscana. Con quest’articolo, scritto a più mani dai partecipanti, intendiamo condividere i risultati e le idee emerse in quest’occasione, sintesi di una lunga strada fatta di 10 tappe, che ha visto presenti, nel complesso, 21 giocatori. Racconteremo i momenti più rilevanti del torneo in sé, commenteremo le scelte di Build dei partecipanti, presenteremo, a grande richiesta, le Decklist finali e forniremo qualche dato sul Meta della Lega nel suo complesso. Abbiamo pensato, in particolare, che potrebbe essere utile per i nuovi giocatori, o per chi volesse migliorare il proprio approccio ad un formato come quello della Top in esame, analizzare le scelte di Build compiute in occasione di un Field quasi completamente noto (ad esempio, la lista di Tron presente non ha Pyroblast nel Side). Nella speranza che questo lavoro possa giovare alla community Pauper italiana, sempre più unita e in crescita, iniziamo!

Giocatori della Top 8 e Meta Share della Lega

Al termine delle 10 tappe, la classifica finale della Lega è stata:

1- Alberto Ausín Ciruelos 125 pt
2- Pietrangelo Manco 112 pt
3- Candela Marco 106 pt
4- Orland Petoshati 102 pt
5- Jonathan Quarantiello 96 pt
6- Stefano Mannella 96 pt
7- Diani Alberto 86 pt
8- Andrea Otelli 71 pt
__________________
9- Lele Tribulato 68 pt
10- Rista Marco 65 pt
11- Andrea Bast 44 pt
12- Deidda Ari 29 pt
13- Di Giorgio Luca 27 pt
14- Vaccaro Davide 21 pt
15- Giovanni Postorino 14 pt
16- Simone Baldacci 9 pt
17- Cambursano Andrea 7 pt
18- Francesco Maringiò 5 pt
20- Salviati Gabriele 4 pt
21- Emilio Vallati 2 pt

Le ultime due posizioni della Top 8 sono state aspramente contese fino all’ultima tappa da 4 giocatori. L’assegnazione dei punti è avvenuta col classico 3 punti a vittoria, 1 a pareggio, 0 a sconfitta, 2 per la presenza, e bonus per la Top 8 così suddivisi: 10, 6, 3, 3, 1, 1, 1, 1.

Meta Share

Si sa come funziona, generalmente, la lega giocata in negozio: i dati riportati sul grafico sono da intendersi come semplice risorsa da considerare per fare delle stime sul Meta in occasione di eventi locali. Alcuni dei mazzi più giocati (Aura, MBC) sono così diffusi in quanto giocati dallo stesso giocatore in ogni tappa. Inoltre, questa Lega ha visto il ban di Astrolabio mentre era già ben avviata, dunque i dati sono ‘ibridi’ tra due meta totalmente differenti.

Decklist e commenti

Riportiamo di seguito le Decklist scelte dai giocatori della Top 8, in ordine di posizionamento al termine delle 10 tappe.

Ausin Alberto, Mono Black Control

Main:
20 Swamp
2 Witch’s Cottage
3 Cuombajj Witches
3 Chittering Rats
4 Phyrexian rager
4 Gray Merchant Of Asphodel
2 Gurmag Angler
2 Thorn Of The Black Rose
1 Crypt Rats
1 Crypt Incursion
3 Geth’s Verdict
4 Defile
4 Sign In Blood
3 Chainer’s Edict
2 Victim Of Night
2 Disfigure
Side:
4 Divest
4 Nihil Spellbomb
2 Crypt Rats
1 Crypt Incursion
1 Thorn Of The Black Rose
3 Choking Sands

Esperto giocatore di questo archetipo, che l’ha guidato al primo posto della Lega al termine delle 10 tappe, vediamo qualche interessante novità della lista: Witch’s Cottage al posto della terra ciclo; Crypt Incursion, forte contro diversi archetipi presenti in sala (Tron, Affinity, Boros), e una Side sempre molto settata contro Tron (ne erano attesi due), con la novità delle Divest al posto delle Duress, probabilmente perché la prima può essere efficace anche in altri MU, come Aura o Affinity. Choking Sands è decente anche contro Boros, mentre i Crypt Rats gestiscono ulteriormente Aura.

Manco Pietrangelo, Burn

Main:
4 Chain Lightning
3 Curse of the Pierced Heart
4 Fireblast
2 Forgotten Cave
4 Ghitu Lavarunner
4 Lava Spike
4 Lightning Bolt
15 Mountain
4 Needle Drop
4 Rift Bolt
4 Searing Blaze
4 Skewer the Critics
4 Thermo-Alchemist
Side:
2 Flaring Pain
2 Firebrand Archer
4 Keldon Marauders
2 Martyr of Ashes
2 Molten Rain
3 Smash to Smithereens

Una lista di Burn estremamente classica, poco da dire: i due Flaring Pain nella Side, preferiti a 2 copie di Electrickery, dipendono dal fatto che era sicura la presenza di un Boros in sala, come era altrettanto sicura l’assenza di Elfi. Scelta dipendente esclusivamente dal Field atteso.

Candela Marco, Affo Monsters

Main:
4 Atog
4 Carapace Forger
4 Chromatic Star
4 Darksteel Citadel
2 Fling
4 Galvanic Blast
4 Gearseeker Serpent
4 Great Furnace
2 Muddle the Mixture
4 Myr Enforcer
4 Prophetic Prism
4 Seat of the Synod
3 Terrarion
4 Thoughtcast
4 Tree of Tales
1 Vault of Whispers
4 Witching Well
Side:
3 Blue Elemental Blast
1 Ancient Grudge
2 Krark-Clan Shaman
1 Reaping the Graves
3 Red Elemental Blast
2 Relic of Progenitus
1 Serene Heart
1 Weather the Storm
1 Shrivel

Lista esclusiva di Candela, questo mazzo ha performato estremamente bene nel corso della seconda metà della Lega, assicurando al suo pilota due 4-0 e un 3-1, con un solido terzo posto, nonostante le tappe saltate: Terrarion al posto del classico Navigator’s Compass garantisce un mana fixing che, nella quasi totalità dei casi, risulta più che sufficiente, senza rinunciare ad una carta. Witching Well rappresenta un vantaggio non trascurabile in qualsiasi MU non aggressivo rispetto al classico Monsters, pur rinunciando a qualcosa in Early Game. Inoltre, a differenza della pur ottima Preordain, questa carta garantisce affinità.

Petoshati Orland, Aura Hexproof

Main:
4 Abundant Growth
4 Ancestral Mask
4 Armadillo Cloak
2 Aura Gnarlid
4 Blossoming Sands
2 Cartouche of Knowledge
1 Cartouche of Strength
4 Crumbling Vestige
4 Ethereal Armor
2 Fling
6 Forest
4 Gladecover Scout
2 Heliod’s Pilgrim
2 Khalni Garden
4 Rancor
1 Relic of Progenitus
2 Silhana Ledgewalker
4 Slippery Bogle
4 Utopia Sprawl
Side:
1 Ancient Grudge
1 Cartouche of Solidarity
1 Cartouche of Strength
3 Dispel
2 Electrickery
1 Gorilla Shaman
1 Lifelink
2 Relic of Progenitus
1 Spider Umbra
2 Young Wolf

Il mazzo ha subito una bella battuta d’arresto con il ban di Astrolabio, sia in generale, sia nella Lega: il pilota, infatti, era riuscito a restare saldamente in seconda posizione, fino alla prematura dipartita del Mana Fixer, per poi chiudere quarto. Build molto settata per battere Tron, atteso, anche in questo caso, da due piloti.

Quarantiello Jonathan, Boros Monarch

Main:
1 Forgotten Cave
1 Secluded Steppe
2 Radiant Fountain
3 Boros Garrison
4 Wind-Scarred Crag
3 Great Furnace
3 Ancient Den
2 Mountain
2 Plains
1 Faithless Looting
2 Battle Screech
3 Journey to Nowhere
1 Reaping the Graves
2 Prismatic Strands
4 Galvanic Blast
4 Lightning Bolt
3 Palace Sentinels
4 Kor Skyfisher
4 Glint Hawk
4 Thraben Inspector
1 Golden Egg
2 Alchemist’s Vial
4 Prophetic Prism
Side:
1 Prismatic Strands
3 Lone Missionary
2 Standard Bearer
2 Krark-Clan Shaman
2 Gorilla Shaman
1 Shenanigans
1 Reaping The Graves
1 Journey To Nowhere
2 Leave No Trace

Lista di Boros Monarch piuttosto atipica, pilota reduce da una Top 4 al Geddon romano con questo archetipo: rinuncia a tutto l’Hate per Tron, non aspettandosene, salvo poi il ripensamento di Mannella, per settarsi contro il resto del Field; via Relic of Progenitus, Pyroblast, Okiba-Gang Shinobi e persino i Bojuka Bog, in cambio di tanto Hate per Aura, Burn e Affinity (soprattutto per il primo). La scelta di non giocare Pyroblast sarebbe stata consistente con l’assenza di Tron: contro nessun altro archetipo, atteso o presente, sarebbe stata utile.

Mannella Stefano, Take The Crown Tron

Main:
3 Cave of Temptation
2 Dinrova Horror
3 Ephemerate
3 Expedition Map
2 Ghostly Flicker
3 Impulse
1 Island
3 Mnemonic Wall
2 Moment’s Peace
4 Mulldrifter
2 Mystical Teachings
1 Prohibit
1 Exclude
1 Condescend
1 Compulsiuve Research
4 Prophetic Prism
2 Pulse of Murasa
1 Rain of Revelation
1 Remote Isle
3 Stonehorn Dignitary
1 Thornwood Falls
4 Tranquil Cove
4 Urza’s Mine
4 Urza’s Power Plant
4 Urza’s Tower
Side:
1 Ancient Grudge
4 Hydroblast
2 Lone Missionary
1 Weather The Storm
1 Fangren Marauder
1 Moment’s Peace
1 Stonehorn Dignitary
2 Ulamog’s Crusher
2 Palace Sentinels

Lista estremamente particolare nella Side, come si evince anche dal nome del mazzo: dopo un lungo confronto con Manco e un approfondito studio di quello che ci si aspettava sarebbe stato il Field, Mannella sceglie di tenere qualche Counter in più di Main, con il dichiarato scopo di infastidire i monarchi (Boros, MBC e, presumibilmente, un Mono G Ramp, che poi non c’è stato). Tale Build, però, sarebbe stata efficace solo OTP: da qui il colpo di genio, quale miglior modo di rubare la corona, se non diventando direttamente il monarca? Abbinata ad un Fog Effect, o ad un Flicker Effect, Palace Sentinels non solo ci permette di pescare una carta in più a turno, ma priva irreversibilmente l’avversario di questa possibilità. Ciò è sicuramente efficace contro Boros e Mono G, ma non era necessario; lo era invece contro l’annunciatissimo MBC del primo classificato in Lega, data la sua side iper settata contro Tron: troppo Grave Hate, troppe rimozioni per il piano Crusher, e il Monarca. L’unica soluzione ragionevole a questo MU sembrava essere proprio la contesa della corona, e l’idea si rivelerà azzeccata. Tanto anche l’Hate per l’atteso Burn, ottimo il Fangren Marauder per la presenza di Monsters. L’assenza di Pyroblast è giustificata dal fatto che Mannella sapeva che il suo sarebbe stato l’unico mazzo in sala contro cui sidarle, come detto per Boros.

Diani Alberto, GB Aristocrats

Main:
4 Carrion Feeder
4 Bloodthrone Vampire
4 Mortician Beetle
4 Loam Driad
4 Sultai Emissary
4 Young Wolf
3 Brindle Shoat
3 Blisterpod
2 Nest Invader
1 Pit Keeper
4 Widing Way
2 Tragic Slip
2 Rancor
4 Jungle Hollow
2 Golgari Guildgate
6 Swamp
7 Forest
Side:
3 Caustic Caterpillar
2 Doom Blade
2 Innocent Blood
4 Shrivel
2 Scattershot Archer
2 Gleeful Sabotage

Finalmente, l’attesissima lista di Aristocrats! Dati i buoni risultati avuti in generale da Diani con questo mazzo durante tutta la Lega, la lista veniva richiesta sistematicamente al termine di ogni tappa. Un mazzo inaspettatamente esplosivo, che fatica un po’ contro mazzi con troppe rimozioni e contro Tron, ma che, se giocato bene, può dare soddisfazioni. La scelta di non avere side contro Burn dipende dal fatto che il pilota non era sicuro ce ne sarebbe stato uno, figuriamoci due.

Otelli Andrea, Burn

Main:
4 Chain Lightning
3 Curse of the Pierced Heart
4 Fireblast
2 Forgotten Cave
4 Ghitu Lavarunner
4 Lava Spike
4 Lightning Bolt
15 Mountain
4 Needle Drop
4 Rift Bolt
4 Searing Blaze
4 Skewer the Critics
4 Thermo-Alchemist
Side:
2 Flaring Pain
2 Seal Of Fire
4 Keldon Marauders
2 Martyr of Ashes
2 Molten Rain
3 Smash to Smithereens

Un’altra lista di Burn piuttosto classica, tranne per i Seal Of Fire in side: Tech particolare voluta provare dall’affezionato giocatore di mazzi rossi. Riportiamo di seguito un breve report del torneo voluto dal pilota, presentatosi al tavolo con mazzo, pessime intenzioni e una bottiglia di amaro alla liquirizia, già ben avviata:

Turno 1: Naufragar mi è dolce in questo amaro;
Turno 2: Ah ma servono le carte per giocare a Magic?
Turno 3: Terra, amaro, Charizard.

La Svizzera

La Top 8 della Lega si compone di una Svizzera e di una Top 4 al suo termine, con Semifinali e Finale.

La Svizzera è stata giocata su 3 turni, con i Pairings dettati dal posizionamento dei giocatori e con il diritto di scegliere se partire o meno al giocatore meglio piazzato.

Primo turno

Ausin (MBC) – Otelli (Burn): 2-0
Manco (Burn) – Diani (BG Aristocrats): 2-1
Candela (Affo Monsters) – Mannella (Take The Crown Tron): 1-1
Petoshati (Aura Hexproof) – Quarantiello (Boros Monarch): 2-0

Primo turno con qualche sorpresa: il Burn di Otelli non riesce a ingranare contro MBC, MU abbastanza positivo, a causa di qualche Gray Merchant of Asphodel e qualche Montagna di troppo; bene invece l’altro Burn, che la spunta contro un velocissimo BG Aristocrats, battendolo in velocità; partenza lenta anche per Tron, che deve arrendersi al suo storico nemico: il tempo, dato che un Fangren risolto al G3 avrebbe compromesso irrimediabilmente la partita per i mostri; curioso anche l’ultimo risultato: non è strano che Boros perda il G1 da Aura, ma la side di questo particolare Boros, come già spiegato, era pesantemente settata per questo MU. Come spesso accade, il classico Mana Flood e la partenza a razzo delle creature intoccabili hanno contribuito alla vittoria.

Secondo turno

Ausin (MBC) – Candela (Affo Monsters): 2-1
Manco (Burn) – Petoshati (Aura Hexproof): 2-1
Mannella (Take The Crown Tron) – Otelli (Burn): 2-0
Quarantiello (Boros Monarch) – Diani (BG Aristocrats): 1-1

Anche questo secondo turno presenta qualche risultato inaspettato: MBC ha un buon MU contro Monsters, ma la variante giocata in questo caso, della quale si è già discusso, dovrebbe avere un MU positivo da mazzi come Mono Nero, grazie alla presenza delle 4 Witching Well. La curiosa (e azzeccata) scelta di build fatta dal pilota del mazzo nero, Crypt Incursion, ha compromesso irrimediabilmente un G3 che sembrava chiuso in favore dei mostri. Anche la vittoria di Burn contro Aura risulta atipica: Armadillo Cloak è una carta risolutiva, ma lo sono stati anche i Martyr of Ashes. Per quanto riguarda Tron vs Burn, l’Hate di Side della lista di Mannella contro il mazzo rosso è enorme, e il doppio Pulse of Murasa ha svolto il suo lavoro in G1. Infine, Boros Monarch non riesce proprio a brillare in questa Top 8, non riuscendo a chiudere un G3 ben avviato a causa del timer.

Terzo turno

Ausin – Manco: 1-1
Candela – Quarantiello: 2-0
Mannela – Petoshati: 1-1
Diani – Otelli: 2-1

Ultimo turno al cardiopalma: 3 giocatori a 4 punti, a contendersi la Top 4 per Rating! I primi due in classifica pattano e si assicurano l’accesso alla Semifinale. Monsters ha un buon MU contro Boros Monarch, e il G1 lo dimostra. Il G2, invece, è surreale: il buon Candela Mulliga a 5, riuscendo comunque a strappare il Game con un’ottima partenza e un Flood leggendario da parte di Boros. Tron si ferma di nuovo davanti al timer e ad un G3 praticamente vinto, mentre l’ultimo Match serve solo a dare una vana speranza al povero Aritocrats, fuori dalla Top 4 per Rating. Simpatica (ma non troppo) la vicenda sul Rating del 4° posto: i primi due indicatori esattamente identici, Aura la spunta sui Game vinti dagli avversari!

Alla fine della Svizzera, la classifica è la seguente:

1 – Manco Pietrangelo 7 punti
2 – Alberto Ausin 7 punti
3 – Mannella Stefano 5 punti
4 – Petoshati Orland 4 punti
_______________________
5 – Candela Marco 4 punti
6 – Diani Alberto 4 punti
7 – Quarantiello Jonathan 1 punto
8 – Otelli Andrea 0 punti

La Top 4

Eccoci finalmente alla resa dei conti: anche per la Top 4, Pairings e scelta di iniziare o meno influenzata dalla classifica, stavolta della Svizzera.

Semifinale 1: Manco (Burn) vs Petoshati (Aura Hexproof)

Rematch della Svizzera, partita piuttosto rapida: il G1 viene chiuso in maniera estremamente veloce da Burn, il quale non sarebbe sopravvissuto a un ulteriore turno di gioco, dato l’imminente arrivo di Armadillo Cloak. Game vinto nell’unico modo possibile: Thermo-Alchemist.
G2 deciso da un Mulligan a 4 di Aura che, nonostante tutto, perde nel turno in cui sta attaccando per letali da un Lightning Bolt + Fireblast di Burn, che deve rischiare il tutto per tutto nonostante il Mana Blu open dell’avversario, che poteva far pensare a un Dispel, presente nel Side.

2-0

Semifinale 2: Ausin (MBC) vs Mannella (Take The Crown Tron)

Partita molto attesa: un MBC iper settato contro Tron, e un Tron che lo sa e che prova a fare qualcosa al riguardo. G1 come da attese, pre Side il mazzo nero può fare davvero poco per fermare i Mulldrifter avversari (carta non scelta a caso).
G2 con partenza clamorosa di Mono Nero, il giocatore di Tron fa giusto in tempo a mostrare la sua arma segreta, Palace Sentinels, prima di morire di Asphodel + Geth’s Verdict, per letale esatto.
Nel G3, finalmente il piano funziona: partita piuttosto stallata, ma con un’enorme Board Presence da parte di MBC, e nulla di rilevate nella mano di Tron. Le nebbie finiscono, e le Spellbomb impediscono a Mannella di recuperare valore dal cimitero. L’ultimo turno disponibile, arriva lui, il nemico mortale di MBC: Mulldrifter, trova Impulse, che trova Flicker, che trova Stonehorn Dignitary. Un turno di vita addizionale che si rivelerà fatale: il topdeck successivo sarà Impulse, che troverà Palace Sentinels, la quale darà a Mannella tutto ciò di cui avrà bisogno.

2-1

Finale: Manco (Burn) vs Mannella (Tron)

Finalissima tra due archetipi storici del formato, nonché tra i due abituali giocatori di Tron che hanno partorito la lista. Entrambi conoscevano le 75 dell’avversario, ed entrambi sapevano che la partita si sarebbe giocata sulla sfortuna di Tron, o sul Goldfish di Burn, tra G2 e G3.

Prevedibilmente, G1 vinto da Burn con il Topdeck di un Termo Alchemist di secondo.
G2 a senso unico: piovono Hydroblast e Pulse of Murasa, il giocatore di Burn ammette di aver sbagliato qualcosa nella Side, pur non essendo in nessun modo rilevante per il Game in analisi.
G3 estremamente più interessante dei primi due: Burn partirà con doppio Ghitu Lava Runner, Tron vedrà l’unico Moment’s Peace lasciato nel mazzo post Side. L’assenza della quinta terra condannerà Mannella a non poter mai castare il suo Pulse of Murasa, e a cedere sotto i colpi dei botti e dei Ghitu.

2-1, la Toscana è Rossa!

Conclusioni

Una Top 8 ricca di partite interessanti, mazzi particolari, scelte di Side mirate e colpi di scena! Siamo alla fine di questo report; speriamo che questo lavoro possa essere utile alla Community Pauper che, soprattutto in Italia, è in crescita ed è sempre più straordinaria! Incoraggiamo chiunque voglia consigli, chiarimenti, o abbia semplicemente qualche curiosità a scriverci sulla nostra pagina Facebook. Anche la nostra LPT è in crescita, dunque vi diamo appuntamento alla prossima Lega (da Giovedì 16 Gennaio, per 10 intense settimane, al Dungeon Street) e ai prossimi Report!

Stay Pauper,

Lega Pauper Toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *