[Modern] Tezzeretor Control by Alessio Iacopini

[ndr: Come da voi richiesto, grazie al sondaggio della settimana scorsa torniamo a parlare di Modern!!]

Salve a tutti i Titani sono Alessio Iacopini e ho scritto questo articolo per parlarvi del mio mazzo preferito:

Tezzeretor Control

Questo archetipo ha molte varianti in funzione della sua capacità di adattarsi ai vari “meta”.
La lista che vi presento è quella che gioco al momento ed è stata ideata con il prezioso aiuto del titano Gianluca Boose.

Principalmente il mazzo è un “semi-prison” che si basa sulla “combo” Thopter Foundry + Sword of the Meek.

La sinergia tra queste due carte ha un impatto sul board molto grande in quanto ci permette di creare un token 1/1 volante e di guadagnare 1 punto vita per ogni mana speso. Se non fermata in tempo questa “Engine” si ripercuoterà molto spesso come vittoria assicurata.

Tuttavia questa strategia è molto delicata poichè possiamo trovarci contro carte come Stony Silence e Pithing Needle che praticamente la annullano.
Inoltre, con la crescente presenza di Dredge nel formato, quasi tutti i mazzi impiegano “hate” contro il cimitero, cosa che potrebbe mettere in pericolo i nostri piani dato che la “spada” deve passare proprio dal Graveyard prima di tornare in in campo per essere ri-sacrificata. Di questi problemi ce ne occuperemo parlando della Side.

La vera star del mazzo è Tezzeret, Agent of Bolas del cui power-level possiamo farci un idea semplicemente leggendolo.
Le sinergie più efficaci del Planeswalker sono principalmente: la “trasformazione” della Darksteel Citadel in un 5/5 indistruttibile (che resiste alle nostre stesse “mass-removal” ed è praticamente irremovibile da chi non gioca bianco), il suo “+1” che ci permette di scavare nel mazzo per cercare i pezzi che ci mancano aiutandoci mettere insieme la combo ed infine la sua “finisher” che è molto incisiva e non è raro che diventi una “win condition” se controlliamo abbastanza artefatti (tra cui vanno considerate le pedine create dalla combo).

La presenza di Esnarning Bridge è proprio incentrata in questa ottica poichè è capace di darci il tempo di riempire il board di totteri volanti o di far fare a Tezzeret il proprio lavoro.

Gli scartini sono parte fondamentale della nostra strategia in quanto ci permettono di togliere potenziali minacce e offrono un minimo di controllo.

La nostra principale fonte di vantaggio è Thirst for Knowledge, carta capace di ridare sostanza alla nostra mano e di scavare nel mazzo sempre alla ricerca di ciò di cui abbiamo bisogno. Una sinergia molto carina è proprio con Sword of the Meek: infatti scartando questa al posto di un altro artefatto annulliamo totalmente il malus della “sete” poichè sarà in grado di rientrare facilmente dal cimitero.

In questa lista ho scelto di giocare solo 2 creature di main: 2 Trinket Mage.
Questo mago è infatti un grande operaio al quale ho dedicato una piccola “toolbox”. Esso sarà in grado di “tutorarci” oltre che una Darksteel Citadel nel caso fossimo a corto di terre anche Engineered Explosives, Pithing Needle (che sono ottime risposte a molteplici minacce di vario tipo), Chalice of the Void (molto versatile anche se va a neutralizzare i nostri scartini) e Executioner’s Capsule (buona spot-removal).

Il mazzo inoltre conta altre 4 rimozioni singole e 2 Damnation se le cose si dovessero mettere male.

Per quanto riguarda le terre è importante sottolineare che la mana base anche se conta ben 7 fonti incolore è molto solida, grazie anche alla presenza di Urborg, Tomb of Yawgmoth. Creeping Tar Pit è molto utile per “cacciare” Planeswalker avversari ed è una possibile “wincon” quando entrambi siamo al top deck. Academy Ruins è molto forte poichè ci permette di non “perdere” mai la nostra fonderia se il nostro opponent riesce a distruggercela.
Altra sinergia carina è Darksteel Citadel + Ghost Quarter che ci permette, se necessario, di trasformere il quartiere in una terra base colorata senza perdere la cittadella essendo indistruttibile.
Una cosa importante da dire è che a la scelta di questa manabase ci fa un pò soffrire un eventuale Blood Moon se non abbiamo l’accortezza di prevederla e di conseguenza giocarci attorno.

   

“Qui sopra potete vedere le carte che compongono la combo principale del mazzo.”

Come accennato prima, la Sideboard è stata pensata anche per risolvere il problema di “hate” contro la combo principale del mazzo.

G2, specialmente contro chi gioca bianco, è una buona scelta diminuire il numero di fonderie e spade (in genere vanno portate a 2 e 2) cercando di trasformare il nostro deck in un vero e proprio “controllone”.
Ciò è reso possibile da carte come Kalitas, Traitor of Ghet, molto versatile in quanto può essere impiegato contro aggro vari (ha lifelink!) ma anche contro combo come “Melira” oppure lo stesso Dredge. Da notare il fatto che una Damnation con Kalitas giù ci può far riempire la nostra parte del board di zombie 2/2.
“Hate” contro il cimitero ci è fornita anche da Surgical Extraction e Grafdigger’s Cage, che è tutorabile dal Trinket Mage.

Flaying Tendrils è una carta molto versatile poichè non si limita a togliere di mezzo creature piccole ma la sua forza sta nel fatto che le esilia.
Wurmcoil Engine è un bel problema contro chi non gioca bianco.
I Negate sono le nostre uniche “counter” che vanno a ricoprire un ruolo fondamentale nel nostro piano control post side.
Infine Torpor Orb è da sidare principalemente contro mazzi come “Melira” o “Kiki-chord”, mentre gli ultimi due posti vanno a rafforzare il “toolbox” dei Trinket Mage con un secondo Chalice of the Void e Pithing Needle.

Nel complesso il mazzo non è molto snello e perciò richiede una buona capacità di predizione e la conoscenza del mazzo che abbiamo davanti per evitare di fare scelte che si potrebbero ripercuotere in negativo dopo qualche turno.

Spero di aver suscitato almeno un pò di interesse nei confronti di questo mazzo e spero di non avervi annoiato più del dovuto.
Un saluto e alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *