[Modern] Staying Undead: A Guide to Dredge 2.0 by Niccolò Peccetti (Parte 2)

La settimana scorsa ci eravamo lasciati qui: vi avevo parlato delle scelte maindeck e delle possibili scelte di sideboard e vi avevo promesso analisi dei match-up e dei tips&tricks per il mazzo.

Ripartiamo un attimo dalla lista:

Modern Dredge

Discard: (15)
Insolent Neonate
Faithless Looting
Cathartic Reunion
Conflagrate

Dredger: (11)
Stinkweed Imp
Golgari Thug
Darkblast
Life from the Loam

Payout: (12)
Narcomoeba
Bloodghast
Prized Amalgam

Flex Spot: (2)
Haunted Dead
Driven // Despair
Lands: (20)
Wooded Foothills
Bloodstained Mire
Mana Confluence
Mountain
 Ghost Quarter
Stomping Ground
Blood Crypt
 Sheltered Thicket
Dakmor Salvage
Copperline Gorge

Sideboard: (15)
Nature’s Claim
Golgari Charm
Ancient Grudge
Lightning Axe
Gnaw to the Bone
Leyline of the Void
Thoughtseize
Collective Brutality
Maelstrom Pulse

Iniziamo l’analisi dei match-up utilizzando uno dei tanti siti che ci illustrano il metagame:

MtgGoldfish è adatto ma ci da più informazioni sulle leghe online che sui tornei real;

MtgTop8 invece ci da informazioni dettagliate sia per MTGO che per quando riguarda i live tournament, grazie alla possibilità di filtrare adeguatamente i tornei che vogliamo prendere come riferimento.

Scegliamo l’uno o l’altro, in questo preciso momento storico del modern è indifferente (le differenze fra MTGO e Real sono sottilissime) e guardiamo questo grafico a torta:

Schermata del 2017-10-11 16-18-26

Dal grafico possiamo evincere che il field Modern in questo momento è abbastanza vario (forse è il massimo mai raggiunto per questo formato) e prepararsi contro tutto è davvero difficile ma alcuni deck spiccano:

Death’s Shadow – siamo i favoriti, i nostri bloccanti continui non lasciano alla versione Grixis (la più giocata) grande spazio per attaccare, il fatto che loro devono andare sotto i 10 punti vita da soli aiuta i nostri Bloodghast dandogli rapidità e in più i loro 6-8 scartini in main non ci danno alcun fastidio; Haunted Dead aiuta tantissimo mettendo doppio bloccante praticamente tutti i turni, attenzione alle surgical post-side; (Favorevole)

Affinity – Onnipresente da praticamente sempre, vola ma le sue creature sono quasi sempre piccole, uccidere i pezzi a cc2 (Arcbound Ravager e Steel Overseer) è obbligatorio per poi andare a vincere tranquillamente, attenzione alle Inkmoth che non possono essere risolte da Conflagrate; (Favorevole)

Eldrazi Tron – se partiamo veloci non è un grosso problema, Stinkweed Imp blocca bene (bene è un modo di dire) i Reality Smasher, il Ghost Quarter di main aiuta molto; dobbiamo giocare sul filo del rasoio, alcuni giocano Ugin, altri le Relic of Progenitus già di main, post-side gli scartini ci aiutano ma rimane un match-up non bellissimo a meno di mani davvero veloci; (50-50, post side Sfavorevole)

RG Valakut – stesso discorso di prima con la sola differenza che Anger of the Gods di main non aiuta per niente; mettiamo attaccanti velocemente e risolviamo l’aftermath di Driven//Despair, il Ghost Quarter aiuta tantissimo anche qui; (Leggermente Sfavorevole)

UWx Control – passeggiata di salute in g1 (è praticamente impossibile perdere nonostante gli infiniti Gideon), post-side hanno il pezzo di hate che più ci da noia (Rest in Peace), se siamo on the draw mullighiamo per spacca enchant, se on the play cerchiamo gli scartini; (Favorevole)

Counter Company – se scombano è finita, mettono molti paranti ma la Darkblast aiuta uccidendo tutti i mana-dork; il match up è giocato e visto che anche loro soffrono Grafdigger’s Cage e Rest in Peace si affidano a Scavenging Ooze che è battibile sia da Conflagrate che dalle Lightning Axe che entrano post side; (Favorevole)

Burn – il match up è una race, il dado decide molto della partita; cerchiamo di sviluppare board per bloccare Guide e Swiftspear e poi speriamo nell’alfa-stirke da parte nostra; post-side non sideranno tantissimo visto che se vedono solo hate non chiudono (come noi del resto) e uno Gnaw to the Bone vince agilmente da solo; (50-50)

Jund/JunkPath to Exile non aiuta ma loro sono lenti e il piano Scartino/Tarmo/Lili non ci da assolutamente noia; anche qui Ooze è il pezzo che ci da più noia ma come ho detto prima è risolvibile, alcuni giocano Cage e Nihil Spellbomb ma loro ci danno comunque il tempo di trovare una risposta nel caso; (Favorevole)

Gift Storm – questo match-up è ancora un’incognita per me, alcune partite sono easy-win altre scombano di terzo-quarto e non riusciamo a dirgli niente; uccidete le creature che appoggiano e sperate in un Driven//Despair da 4+; (Sfavorevole)

Come potete notare i match-up sono quasi tutti giocati (grazie al quasi 100% di g1 vinti) e molti con i Tier1 del momento sono addirittura favorevolissimi, ma allora perchè Dredge non fa risultato continuamente?

Il motivo è abbastanza banale, ed è che come Affinity soffre particolarmente l’hate post-side quindi è un mazzo che può fare risultato tranquillamente solo se al torneo a cui state partecipando i giocatori non sono troppo preparati; la presenza di mazzi come Death’s Shadow in questo momento è un’arma a doppio taglio: da una parte ci regalano delle easy win, dall’altra portano tanto hate laterale in quanto i giocatori tendono ad inserire in side 3+ pezzi di hate sul cimitero per gli Snapcaster Mage/Tasigur/Gurmag avversari che inevitabilmente colpiscono anche noi.

Prima della parte che state aspettando tutti (i Tips&Tricks) vi lascio qualche mano d’esempio per farvi capire un attimo quando e come mulligare con questo mazzo (ricordatevi sempre che è un deck che non soffre particolarmente il mulligan e anche mani a 4 possono vincere agilmente partite che con altri mazzi sarebbero easy lose):

Mano 1 – On the play:

mano1

Questa è quella che possiamo definire la mano goldfish per il mazzo: 2 terre, 3 pesca-scarta e 2 Dredgianti. Partiamo sempre di Terra-Neonato per poterlo attivare in MP2 avversaria e sperare in Narcomoeba-Amalgama attaccanti a turno2.

Mano 2 – On the draw mulligando:

mano2

Anche questo è un keep: nonostante una sola terra abbiamo 3 effettive pescate per trovarne una (quella di turno e 2 di Looting) per poi iniziare subito a dragare; non mi azzarderei mai a mulligarla e probabilmente farei keep anche on the play grazie alla seconda Looting in mano.

Mano 3 – On the play e/o On the draw:

mano3

Sia on the play che on the draw questa mano la mulligherei (non troppo a cuor leggero): la mancanza di una terra che mi fornisca verde non mi permette di dragare in quanto poi comunque non potrei castare Life from the Loam; sapendo che gioco contro un mazzo davvero lento potrei provare a tenere sperando di pescare fonte-verde nei primi 2-3 turni di gioco.

Mano 4 – PostSide on the draw vs Aggro.deck:

mano4

100% keep: nonostante la Narcomoeba in mano abbiamo tutto ciò che ci serve per una partenza esplosiva (Looting+Imp) e in più abbiamo una cheap removal che aiuta il nostro piano.

Come promesso vi lasci qualche piccolo consiglio per giocare al meglio il mazzo:

  1. Nella scelta su quale looter (che avete in mano) usare valutate sempre bene il momento di gioco in cui siete: siete sicuri che un parante si rivelerà utile nelle fasi avanzate della partita? Giocate prima Looting e poi solo dopo Neonato. Avete bisogno di partire in quarta? Fate il contrario, e così via;
  2. Cercate di tenere in modo ordinato il cimitero: io solitamente utilizzo la parte sinistra del tavolo dove gioco per stenderlo così da averlo sott’occhio e in ordine durante tutta la partita (non fatevi sfuggire lethal di Conflagrate solo perchè non l’avete vista nel cimitero);
  3. Trovate il vostro modo per ricordarvi di tutti i trigger del mazzo: io per esempio tengo Narcomoeba e Amalgami poco più in alto rispetto al resto delle carte nel cimitero così da non dimenticarmi di farle entrare una volta finita la dragata o il turno;
  4. Quando fate Faithless Looting e al posto di pescare dragate, ricordatevi che prima di far rientrare le Narcomoeba appena dragate dovete risolvere tutto l’effetto di Looting e quindi potete scartare gli Amalgam che avete in mano per farli triggherare subito grazie alle Moebe;
  5. Se usate la manabase con Fetch e Shock ricordatevi che potete salvare gli Amalgam da una Anger of the Gods sfetchando in Main Phase 2 avversaria e facendo rientrare i Bloodghast (anzichè nel proprio turno): così facendo trigghereranno gli Amalgam che rientreranno in End avversaria, quando quindi l’opponent non potrà più tirare una wratta ma in tempo per essere STAPpati e quindi attaccare nel proprio turno;
  6. Se avete una Conflagrate in mano e volete uccidere una creatura sul campo di battaglia (Scavenging Ooze per fare un esempio random) potete castare Conflagrate a zero pagando un rosso per poi flashbackarla senza dare la possibilità all’avversario di interagire sullo stack (quindi uccidendo Ooze senza dare la possibilità alla stessa melma di esiliarci la Conflagrate appena andata al cimitero).

Credo di aver detto tutto di questo archetipo che dopo l’esplosione dello scorso anno è andato un po’ in sordina per tornare ogni singola volta più forte di prima (proprio come le creature che gioca)!

Alla prossima,

Pecce

Ps: commentate pure per dubbi, consigli, domande riguardandi l’archetipo e il Modern in generale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *