[Legacy] Let’s Talk about Tezzeret by Cameron Wisniewski & Gianluca Boose

[ndr: Gli autori di questo articolo sono il titano stellestrisce Cameron Wisniewki e il titano nero Gianluca Boose, che da circa 8 mesi collaborano per sviluppare la lista che vedrete, che ha portato il primo alla top32 all’ultimo Eternal Weekend lo scorso Ottobre e il secondo a varie top8 in giro per l’Italia, non ultima la vittoria all’ultima tappa della VSM Legacy Toscana.]

[ndr2: vi allego l’articolo originario in lingua inglese a questo link in modo che potete, se volete, leggere tutte le sfumature che Cameron ha voluto dare al loro mazzo, e che per ovvi motivi di traduzione non siamo riusciti a riportarvi del tutto.]

Let’s Talk About Tezzeret – Cameron Wisniewski & Gianluca Boose

In Legacy, c’è un mazzo per ogni stile di gioco; ad alcuni piace castare Tendrils of Agony, ad altri attaccare con Batterskull. Per noi? Adoriamo castare Chalice of the Void. Non c’è niente simile a castare Calice a 1 al turno 1 e guardando al di là del tavolo vedere l’avversario che realizza di aver perso il game ancora prima di aver iniziato a giocare. Ho giocato un gran numero di mazzi diversi che utilizzano Chalice in Legacy, ma ce n’è uno che puntualmente torno a giocare.

Mi chiamo Cameron Wisniewski, e sono qui (insieme a Gianluca Boose) per parlarvi di Tezzeret.

Tezzeretor è un control deck basato sui permanenti. Il suo obiettivo è quello di risolvere alcuni elementi di prison-lock come Chalice of the Void e Ensnaring Bridge per poi chiudere il game con un Planeswalker. Come il mazzo Workshops ha dimostrato in Vintage, la combinazione di pezzi di lock e minacce può portare ad una rapida vittoria, così Tezzeretor cerca di replicare questa strategia in Legacy.

Anni fa chiamato “Bridgewalkers”, Tezzeretor si è evoluto con il formato e ha preso 2 direzioni diverse e a sé stanti: UB, che utilizza Jace, the Mind Sculptor e ulteriori pezzi per fare prison, e una variante Ubr, che è la variante che abbiamo sviluppato e di cui vi parlerò fra poco. Tezzeret si differenzia dai soliti Chalice.deck perché punta a giocare un game più lento e controlloso. Inoltre include un gran numero di effetti di card-selection che solitamente non si trovano negli altri Chalice.deck. Questa abilità e naturalità nello splendere nel late-game è dovuta in gran parte al fatto che il mazzo si basa sulla combinazione di Thopter Foundry + Sword of the Meek che da la possibilità di fare un token 1/1 volante e guadagnare 1 vita per ogni mana che il giocatore ha a disposizione. Questo motore è stato testato in moltissimi archetipi, ma splende realmente in Tezzeretor dove può proteggere i Planeswalker dalle creature avversarie e può essere assemblata velocemente grazie agli effetti di tutoraggio a disposizione.

La lista qui sotto è quella che ho utilizzato (e che mi ha portato ad un 8-2 finale) al North American Legacy Championships durante l’Eternal Weekend:

Tezzeretor

Maindeck: (60)
Thopter Foundry
Sword of the Meek
Chalice of the Void
Ensnaring Bridge
Mox Diamond
Dimir Signet
Baleful Strix
Force of Will
Academy Ruins
Ancient Tomb
City of Traitors
Bloodstained Mire
Polluted Delta
Island
Swamp
Volcanic Island
Underground Sea
Wasteland
Tezzeret, Agent of Bolas
Dack Fayden
Transmute Artifact
Sideboard: (15)
Helm of Obedience
Engineered Explosives
Lodestone Golem
Padeem, Consul of Innovation
Leyline of the Void
Chains of Mephistopheles
The Abyss
Daretti, Ingenious Iconoclast
Toxic Deluge

Andiamo a vedere le carte che compongono la lista nello specifico:

4x Baleful Strix: questa carta è praticamente fatta su misura per il nostro mazzo. É un artefatto, quindi può essere preso con il + di Tezzeret, è blu e quindi utilizzabile con Force of Will, ed è un 1/1 che fa ritornare Sword of the Meek sul campo di battaglia. Ho già detto che cantrippa e può tradare per un Tarmogoyf? Una giocata solida in qualsiasi momento della partita, protegge sia i nostri planeswalker che i nostri punti vita.

3x Tezzeret, Agent of Bolas: la carta che da il nome al mazzo. È sia una win-condition sia un effetto di selezione delle risorse continuo riassunte nella stessa carta. Tezzeret può essere più forte di Jace nel mazzo giusto, ed quel mazzo è proprio questo. Solitamente il +1 combinato al -4 ci assicura l’inevitabilità della vittoria se l’avversario non risponde prontamente, inoltre il -1 è fortissimo a capitalizzare su un avversario che sta annaspando e a chiudere il game contro i combo.deck.

4x Dack Fayden: Dack è, senza dubbio, la carta più forte del mazzo. I mazzi che si basano su Calice storicamente hanno grossi problemi nella card-selection durante il game (pescare una terra o un Calice a turno 6 non è proprio ideale), e il +1 di Dack ci da la possibilità di scambiare un pezzo di lock o una risorsa di mana per delle carte con un impatto maggiore nel game. Ha l’enorme utilità di farci scartare Sword of the Meek per poi iniziare a produrre 1/1 o addirittura scartare un carta non castabile per rimanere in Hellbent (0 carte in mano) con un Ensnarning Bridge giù. Il suo -2 ci lascia rubare il miglior artefatto del nostro avversario e praticamente spacca il game quando ci lascia prendere una Jitte o forza il nostro avversario ad attivare una Sensei Diving Top dopo che abbiamo giocato un Chalice of the Void. Non abbiamo nessuna magia nelle nostre 75 che può capitalizzare sull’emblema di Dack, ma le prime due abilità sono così forti da farci giocare il playset. Dack is the Greatest Thief in the Multiverse, e he steals games for us all the times. [ndr. Lascio a voi la traduzione, in inglese è molto più bello]

4x Thopter Foundry/3x Sword of the Meek: Thopter-Sword è la nostra principale win-condition. Nessuna delle due è particolarmente forte da sola, ma insieme hanno una sinergia che solamente pochi fair-deck riescono a battere. Sacrificare una Sword of the Meek per la Foundry ripetutamente produce una legione di 1/1 che possono bloccare e attaccare e in più ci regala abbastanza vite da bilanciare qualsiasi danno abbiamo preso in early game.

4x Force of Will: non credo ci sia bisogno di spiegare perché Force debba essere inclusa in un mazzo a base blu, ma voglio dire che solitamente è utilizzata in modo offensivo più che difensivo: invece che tenerla in mano per counterare le minacce altrui, la utilizzeremo in modo da lasciare entrare i nostri pezzi chiave (pezzi di Lock e chiusure), in quanto una qualsiasi nostra minaccia può distruggere il gameplan avversario da sola.

2x Transmute Artifact: Tinker può anche essere bannato in Legacy, ma in un mazzo in cui la maggior parte degli artefatti costa 2/3 mana, questa carta ha lo stesso utilizzo. Transmute Artifact è solitamente utilizzata per assemblare la combo Thopter Foundry + Sword of the Meek dagli artefatti che abbiamo a disposizione, ma può anche essere un tutore per Bridges o per gli artefatti in 1x dalla side.

4x Chalice of the Void: Calice è la mia carta preferita di tutto Magic e una delle carte più forti del formato. Questa carta è la via per fare un gigantesco dito medio ad ogni mazzo che sfrutta una bassa curva di mana. Solitamente è giocata con X=1, un Calice può invalidare un’ampia fetta di mana e mazzo dei nostri avversari, alcune volte ci permette di vincere prima che un avversario risolva una singola spell che abbia peso nella partita.

2x Ensnaring Bridge: Il Ponte è, per metterla semplice, una delle carte meno divertenti di tutto il panorama Legacy. Tanti mazzi si basano sul vincere la partita attaccando con le creature e Ensnaring Bridge mette un freno, se non addirittura stoppa, questo. Con l’aiuto di Dack Fayden e Mox Diamond, questo mazzo generalmente non ha problemi a rimanere Hellbent durante le combat avversarie, e in più l’abbondanza di creature 1/1 ci permette di attaccare comunque con le nostre creature. Come il Calice, tanti deck non possono interagire con questa carta se non dalla sideboard, il che molte volte ci permette di avere delle “free win” in g1.

4x Mox Diamond / 2x Dimir Signet: i mana rock sono spesso inclusi nei vari Chalice.deck per una buona ragione. Sono la ragione per cui ti puoi permettere di giocare carte così color-intensive mantenendo comunque una manabase di sol-land, che ci permettono di giocare con una curva più alta.

Quindi, vi abbiamo presentato un gruppo di carte con un power-level sopra la media delle carte utilizzate in Legacy, ma a quale costo? Se Tezzeretor è realmente il mazzo più forte che si può costruire nel formato, perché non viene giocato da tutti? Come il nostro amico Dark Confidant ci ricorda, la grandezza ha un costo, e in questo caso il costo è l’inconsistenza. Questo è, dopo tutto, un Chalice.deck e solamente questo ci preclude la possibilità di giocare il “Cantrip Cartel”. Per rendere le vite del nostro avversario infelici e punirli per averci fatto vedere una Brainstorm, alcune volte dobbiamo mettere in conto di mulligare più volte di quanto facciano loro [ndt: coloro che possono giocare Cantrip]. Dobbiamo, inoltre, essere preparati al fatto che il nostro mazzo non farà sempre le stesse cose game dopo game, round dopo round, al contrario della maggior parte dei mazzi dei nostri avversari.

Le mani che apriamo con questa lista posso essere davvero assurde: alcune volte contengono Thopter Foundry e Sword of the Meek, altre volte permettono un Tezzeret a turno2 con Force of Will di backup, ma in early game solitamente non ha card selection per deviare dalla nostra mano di apertura. Il risultato di tutto ciò è che se nella nostra mano iniziale non abbiamo risposte per un certo match up sarà obbligatorio mulligare anche se quella mano sarebbe stata perfettamente accettabile contro un altro avversario. Questo effetto è ancor più accentuato nei game contro mazzi che cercano di chiudere il game velocemente, infatti questi match up alle volte sono così a senso unico da non darci la possibilità di stabilizzarci e mettere in gioco i nostri pezzi.

Fortunamente, il metagame Legacy è pieno di mazzi che cercano di puntare a match più lunghi del solito. Ed è proprio in questi match che Tezzeretor da il meglio di sé ed è favorito. Altri matchups invece hanno bisogno di un po’ di side per essere portati dalla nostra. Ovviamente, non posso sperare di coprire ogni match up grazie alla side ma fortunatamente la sezione “Decks to Beat” su MTGTheSource.com ci regala delle istantanee su quali siano i mazzi del momento così da poter coprire almeno questi.

Miracles:
Miracles è il mazzo che tutti considerano il più forte in Legacy (con dei risultati a giustificare ciò), la nostra maindeck è di base settata per questo match up. Il lock CounterTop nel loro mazzo è costruito per counterare spell a basso CMC con regolarità, ma non è granchè quando si presentano carte con CMC ¾ come nel nostro caso. Aggiungiamo il fatto che né Terminus né Swords to Plowshares fanno qualcosa contro di noi e capirete che abbiamo un buon match up. Miracles (in g1 almeno) ha moltissima difficoltà ad interagire con le nostre spell, e anche una sola Foundry risolta turno1 o turno2 può voler dire fine della partita per loro. In questo match up solitamente sido così:

-2 Baleful Strix
-1 Sword of the Meek
+1 Chains of Mephistopheles
+1 Engineered Explosives
+1 Padeem, Consul of Innovation

Da notare che Helm of Obedience qualche volta viene sidato se sospettiamo che il nostro avversario possa avere Rest in Peace.

Eldrazi:
Eldrazi può essere troppo veloce e ha la capacità di giocare il proprio calice a 2 per stoppare gran parte del nostro mazzo. Sfortunatamente per loro, abbiamo 2 copie di una carta che non possono battere: Ensnaring Bridge è estremamente importante in questo match up e se riusciamo a risolverne uno abbiamo generalmente un grande vantaggio in quanto il loro mazzo non è un granchè se i loro Thought-Knot Seers e Reality Smashers non possono attaccare. La build colorless ha una risposta in Ratchet Bomb per spaccare il nostro Bridge, ma possiamo risolverla agilmente con il -2 di Dack Fayden.

-4 Chalice of the Void
-1 Force of Will
+1 The Abyss
+2 Toxic Deluge
+2 Daretti, Ingenious Iconoclast

RG Lands:
Si, un altro match up dove Ensnaring Bridges è il Re di G1. Le copie di Thopter Foundry possono essere usate come pseudo-Bridge per chump-bloccare Marit Lage grazie ai nostri artefatti in più finché non assembliamo il motore Foundry-Sword o un Ponte per chiudere il game. Le cose si fanno più complicate post-board in quanto sidano, solitamente, 4 copie di Krosan Grip, ma possiamo giocarci attorno se stiamo attenti. Non vogliamo mai esporre la nostra Foundry finché non abbiamo abbastanza mana da permetterci di fare immediatamente dei totteri nel nostro turno in caso abbiano Grip e dobbiamo dare la priorità al trovare più pezzi per fare lock e negare a Krosan Grip di vincere da sola un game. I mana-rock sono molto importanti, in quanto Rishadan Port può lockarci dall’avere mana colorato.

-2 Force of Will
-4 Chalice of the Void
+4 Leyline of the Void
+1 Helm of Obedience
+1 Padeem, Consul of Innovation

Shardless BUG:
Fra tutti i top deck del momento questo è quello che ci mette più in crisi. Abrupt Decay è incredibile contro di noi, ci nega la possibilità di fare troppi Totteri o di nasconderci dietro un Bridge per tanto tempo. Liliana inoltre può arrivare a 6 fedeltà incontrastata e tirare l’ultimate per poi chiudere definitivamente il game. Il mio consiglio per questo match up è di giocare conservativi. Nè Calice né Forza sono particolarmente forti, quindi è meglio non andare all-in. La miglior carta a nostra disposizione è Baleful Strix in quanto può wallare un Tarmogoyf e può costringere l’oppo a tirarci un Abrupt Decay, così da non averlo per il nostro prossimo pezzo. Bisogna ricordarsi che Dack può rubare le Strix e gli Shardless Agent avversari per riuscire a fare ulteriore value.

-4 Force of Will
-3 Chalice of the Void
+1 The Abyss
+2 Toxic Deluge
+2 Daretti, Ingenious Iconoclast
+1 Engineered Explosives
+1 Padeem, Consul of Innovation

Death & Taxes:
Questo match up si risolve interamente intorno ad una carta, e sfortunatamente non è fra le nostre. Phyrexian Revoker è estremamente forte contro il nostro mazzo che si basa quasi esclusivamente su abilità attivate per vincere, e che prima della side non ha molti modi per risolverla. Dack Fayden è probabilmente la nostra miglior opzione, ci permette di rubare un equipaggiamento o addirittura un Phyrexian Revoker per poi sacrificarlo grazie a Transmute Artifact. Grazie alle removal che abbiamo in side, il match up cambia un po’ in nostro favore in g2/g3, ma Cataclysm dalla loro Side può facilmente rubarci il game.

-4 Chalice of the Void
-2 Force of Will
-1 Tezzeret, Agent of Bolas
+1 The Abyss
+2 Toxic Deluge
+2 Daretti, Ingenious Iconoclast
+1 Engineered Explosives
+1 Padeem, Consul of Innovation

I nuovi giocatori dovranno testare molto per imparare l’importanza di una data carta in ogni singolo match up e come sidare nello specifico. Visto che il mazzo è capace di attaccare da varie angolazioni di gioco, trovare quella corretta è veramente tanto importante. Imparare quando giocare conservativi con i planeswalker per “baitare” l’avversario e come usare le proprie carte quando bisogna interagire: tutti questi punti sono cruciali al fine di giocare il mazzo efficacemente (non sono sicuro nemmeno io di saperlo fare!) e sono tutte cose che ho imparato semplicemente giocando il mazzo.

Tezzeretor è capace di fare giocate davvero impressionanti, di darti come la sensazione di giocare il proprio mazzo Vintage contro uno Standard dei nostri avversari. Pur essendo un mazzo che si basa quasi interamente su Chalice of the Void è capace di lasciare nelle mani del giocatore carte divertenti e interessantissime che non si trovano in nessun altro Legacy deck. Ma la cosa più importante è che è incredibilmente divertente da giocare. Abbiamo giocato questo mazzo in molte varianti da quando è stato stampato il planeswalker che gli da il nome, e il power level della lista non è l’unica ragione per cui solo raramente portiamo un mazzo diverso ai tornei. Se possedete le carte per questo mazzo dategli una possibilità al prossimo evento a cui parteciperete, se non le possedete proxate le carte che vi servono: Tezzeretor è un grande mazzo, e vi promettiamo che non ne resterete delusi.

2 thoughts on “[Legacy] Let’s Talk about Tezzeret by Cameron Wisniewski & Gianluca Boose

  • 28 Novembre 2016 at 18:18
    Permalink

    Gran bell’articolo, complimenti! Grazie a Gianluca mi sono avvicinato al mazzo – con scarsi risultati sinora, ma per colpa mia – e devo dire che ha una potenzialità incredibile oltre ad essere divertentissimo.
    Mai come in questo mazzo si percepisce quanto conti l’esperienza di gioco nei tornei per affrontare al meglio ogni situazione ed approntare le strategie migliori non solamente in quel turno, ma con la mente ai successivi.
    L’articolo illustra bene qual’è lo spirito del mazzo, che vede come punto di forza anche il fatto di essere poco conosciuto e difficilmente intelleggibile dagli avversari (sapeste quante volte mi è stata counterizzata la spada degli umili)…
    Rispetto alla vostra lista gioco una fiera degli inventori (sembra fatta apposta per questo mazzo) al posto di 1 wasta, e di side 1 blood moon e 1 bomba a cricchetto al posto di 1 golem e delle catene.
    Avrei due piccoli dubbi che la vostra esperienza penso possa fugare:
    1) I planeswalkers li giocate solo quando sono protetti sul board o anche se in pericolo per sperare nella pescata buona con il +1? E’ una situazione che in partita si ripete spesso e non sono mai sicuro di quale sia la scelta migliore;
    2) Mi sfugge il senso di sidare fuori 2 o 3 Force of Will invece che l’intero blocco (spesso saltano 4 calici e 4 forze, ragion per cui non direi che il mazzo si basa solo sul calice…): è perchè sperate attraverso la manipolazione di Dack Fayden di trovare la mono forza quando serve?
    3) Potreste approfondire quali tipo di mani mulligate, dato che nell’articolo fate presente che il nostro è un mazzo che mulliga più degli altri (altra cosa che non faccio perchè vedo che nel middle/late game il mazzo si riprende sempre)?
    Vi ringrazio anticipatamente per le risposte ed ancora complimenti per l’articolo.
    P.s.: la mia lista era diversissima, ancora più divertente forse ma molto meno solida di questa, ringrazio quindi Gianluca. Però l’Abisso di side con quello che costa fa venire le lacrimuccie… ? ?

    Reply
  • 3 Dicembre 2016 at 4:07
    Permalink

    Ciao Fede! scusa se rispondo adesso ma ero super impegnato! io e l’amico Cameron stiamo lavorando a una seconda parte dell’articolo dove parleremo di mani da tenere e piccole modifiche che avverrano quasi sicuramente 😉

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *