Italian Pauper Open Series #1, report&decklist – 18/04/2020

Ciao a tutti e ben ritrovati amici del pauper e di Magic Titans!

Tra Sabato 18 e Domenica 19 si è tenuto il primo Italian Pauper Open, torneo giocato su Magic Online organizzato da Lega Pauper Italia, con il contributo di Magic Titans, Dungeon Street e Shivan Altered Art.

Innanzitutto, prima di continuare con la lettura, andate a mettere un bel mi piace alla pagina Italian Pauper Open, così da rimanere sempre aggiornati sui prossimi eventi!

Al via si sono presentati ben 49 giocatori, che si sono dati battaglia per 6 turni al fine di determinare la top 8 finale, giocatasi domenica.

Andiamo ad analizzare qualche dato del torneo, partendo innanzitutto dal meta share:

Come vediamo bene dal grafico, il mazzo più giocato è stato Affinity, che va a rappresentare ben il 12% del meta; a sorpresa, il secondo mazzo più giocato è Mono W Heroic, molto popolare su Magic Online grazie all’ottimo “rapporto qualità/prezzo” che è capace di offrire. Alcuni dei mazzi più giocati in real, come Flicker Tron o Izzet Faeries, risultano invece meno presenti perché richiedono una certa pratica per essere giocati online, sia a livello di dimestichezza con l’interfaccia di gioco che come rapidità di esecuzione delle azioni. Si vedono rappresentati poi tutti i mazzi del meta attuale, Boros Monarch, Boros Bully, Mono Black che è sempre molto popolare in Italia e così via. Non mancano i mazzi “atipici”, da Atogshift (vincitore dell’ultimo Paupegeddon a Milano), passando per Combo Walls e Simic Erasure.

Per i più audaci esploratori del formato, ecco a voi qualche lista un po’ fuori dal coro:

Al termine dei 6 turni di svizzera, la classifica vede in top 8:

1°   Akromes – Gabriele tribulato – UW Familiar, 15 pt
2°  Il Canterino – Mattia Saetta – Burn, 15 pt
3°  SulleyCrusher – Pietrangelo Manco – Fog Tron, 14 pt
4°  SickWorld – Stefano Miori – Boros Monarch, 14 pt
5°  Iacca95 – Iaccarini Federico – Mono G Stompy, 13 pt
6°  Cariddis – Francesco Quagliata – Elfi, 13 pt
7°  Gaffiere1903 – Stefano Fait – Boros Bully, 13 pt
8°  Fhrow – Lorenzo Romano – Mono W Heroic, 13 pt

Grigli premi golosissima, che prevede un bel 100% delle iscrizioni in palio per la Top, più degli extra forniti dagli sponsor!

Alla fine la spunta SickWorld con il suo Boros Monarch, portandosi a casa il primo posto ed un favoloso set di Counterspell artworkate, complimenti!

Ecco infine le liste della Top 8:

Ringraziamo gli organizzatori di Lega Pauper Italia per questo bellissimo evento ed il buon Raik per aver aver prodotto le spettacolari grafiche ufficiali dell’evento! Vi aspettiamo per la prossima edizione!

Alla prossima, come sempre su Magic Titans!

Jonathan Quarantiello

…………………….

Pensavate fosse finita qui eh? Ovviamente no, andiamo a tributare il giusto riconoscimento al primo dei due ragazzi della Lega Pauper Toscana che sono arrivati in TOP 8!

Ecco il report di Pietrangelo Manco aka SulleyCrusher:

Ciao a tutti gli amici di Magic Titans! Con questo breve report intendo condividere con voi la mia avventura a questo primo ItalianPauper Open, format rinnovato a causa della quarantena, che ha visto ben 48 giocatori al via! Come sempre, la scelta per quest’evento è ricaduta su Flicker Tron: amo l’approccio di Tron al formato e l’ho giocato in ogni sua variante, sin da quando ho iniziato. La lista scelta per l’evento in questione la potete trovare poco più su 😉

Pochi commenti da fare sulla lista: l’approccio è quello classico e quadrato che si vede spesso online, con i 3 Teachings di main come assicurazione sulla vita contro i Santuario.deck (vedere la prima è necessario e sufficiente, ho trovato quest’approccio superiore a qualsiasi altra strategia greedy). Compulsive Research è invece assente: avere una wincon contro le Wellwisher di elfi può essere importante, ma il mazzo non è particolarmente presente in meta ed ho preferito la solidità delle 4 ExpeditionMap. In side, si notano l’assenza della seconda Moment’sPeace (solitamente non è necessaria, giocando già 5 nebbie e 3 Teachings di main) e la presenza di un circolo rosso: ultimamente, beccando spesso Burn in lega, ho potuto constatare che questa carta alza il winrate nel mu più di ogni altra (sugli ultimi 10, ho vinto contro 9), cosa solitamente non vera. Detto questo, passiamo ai Match!

Turno 1: Mono White Heroic di ilVez, Win 2-1

Matchup estremamente favorevole per Flicker Tron: l’avversario gioca bene, sfrutta meglio che può le proprie ChoManno’sBlessing per cercare di counterare i miei Blinkeffect, ma non è sufficiente.

G1: Vinco con un lock di Moment’sPeace senza mai vedere Dignitario.
IN: Afterlife, Weather the Storm
OUT: 2 Dinrova Horror
G2: Parto a 5 e non vedrò mai Fog o Dignitario (a questo punto del match, controllo di averne effettivamente inseriti in lista: ci sono tutti e 4).
G3: Stavolta vedo Dignitario, il che è sufficiente a portare a casa la partita.

Turno 2: BorosBully di Gaffiere1903, Win 2-0

Altro Matchup in discesa: l’approccio del mio avversario è il classico che si vede ultimamente online, con Molten Rain e svariate copie di Pyroblast in Side. Per mia fortuna, avendo già avuto difficoltà inattese in questo Matchup, l’ho intensamente testato con un compagno di lega e di tron, che ringrazio (ciao clown), ed ho aggiunto la quarta Hydroblast in Side.

G1: Il solito, earlylock di Dignitario seguito da Lock di Dinrova.
IN: 4Hydroblast, 2 Exclude, Ancient Grudge
OUT: Scattershot, 2 Dinrova, Unwind, 2 Prohibit, Mnemonic Wall
G2: Partita chiaramente più complicata, dopo aver impostato il Fog Lock mi rendo conto che la soluzione più veloce per chiudere sia fargli risolvere una Palace Sentinels e aspettare che si Milli da solo, e così andrà.

Turno 3: OrzhovPestilence di donzauker84, Win 2-1

Altro matchup positivo, sembra proprio che sarà il mio torneo! (Ed altri divertenti scherzi che ho raccontato a me stesso). Decisamente una partita complicata, le partenze sprint del mio avversario e il pesante hate di Side mi faranno sudare più del dovuto.

G1: Pre side è davvero una partita semplice, riesco a portarla a casa grazie ad uno snowball di Dinrova abbastanza rapidamente.
IN: Afterlife, 2 Exclude, Ancient Grudge, Weather the Storm
OUT: Moment’s Peace, 4Stonehorn Dignitary
G2: Un paio di Castigate nei primi turni, seguiti da un Okiba di quarto e un Monarca di quinto saranno sufficienti a fermare il trittico.
G3: ancora una volta, un paio di Castigate early game seguiti da un Okiba di quarto mi mettono in seria difficoltà, ma stavolta non c’è il follow up di Palace Sentinels. Riesco a risolvere Okiba con un Afterlife, e la partita si protrae al topdeck in late game inoltrato. La grande quantità di Grave hate mi farà perdere gran parte delle risorse. Vincerò senza più carte nel mazzo, con un Dinrova 12/12 ed un MnemonicWall a Proteggerlo da Editto.

Turno 4: UW Familiars di Akromes, Win 2-1

A questo punto del torneo, sia io che uno dei miei compagni di lega siamo sul 3-0: sarebbe stato bello riuscire a schivarci e pattare sul 4-0, ma si sa che non funziona così, ed eccoci qua. Matchup particolarmente negativo, il mio mazzo stavolta saprà farsi volere bene.

G1: In realtà pre side si può cercare di rubare la partita sfruttando l’assenza di Counter creatura nel mazzo del nostro avversario, e cercando di distruggere la sua Manabase con Dinrova Horror, che è ciò che succede in G1.
IN: 4Pyroblast, 2 Exclude, Afterlife
OUT:4Stonehorn, Moment’s Peace, Pulse of Murasa, Prohibit
G2: Partenza abbastanza mediocre, riesce ad assemblare la combo, sulla quale insta concedo.
G3: Il mulligan a 6 migliore della mia vita: 2 Urza Lands, 2 prismi, mappa, Pyroblast. Continuerò a pescare cose fortissime, counterando ogni possibilità del mio avversario di fare 2 per 1, impostando una race di Mulldrifter e un Lock di Mnemonic/Ephemerate. La partita finirà su un Misplay del mio avversario, che andrà a 4 punti vita flashbackandoDeep Analysis, sotto letale dei miei 2 Mulldrifter. Tuttavia, a quel punto, la partita era già irrimediabilmente compromessa, nonostante i due famigli sul board: Avevo accesso a un Counter per ogni mana blu che il mio avversario fosse in grado di generare.

Turno 5: BorosMonarch di SickWorld, Patta intenzionale

Turno 6: Elves di Cariddis, Patta intenzionale

Il giorno dopo si è giocata la top 8, dalla quale sono stato buttato fuori malamente dal ragazzo con cui avevo pattato l’ultimo turno: l’unico Matchup che avrei voluto evitare, oltre al mio compagno di lega.

TOP 8: Elves di Cariddis, Loss 1-2

G1: Il mio avversario riesce velocemente a svuotarsi la mano, ma l’assenza di Distant Melody mi dà una speranza di portarla a casa. Speranza infranta dall’ennesima latitanza del buon StonehornDignitary. Va comunque detto che avevo mulligato a 5, quindi la sconfitta ci sta.
IN: Scattershot, Weather the Storm, Ancient Grudge
OUT: 2 Dinrova, Rain of Revelation
G2: Fast tron e lock di dignitario, completati dall’assenza di Distant Melody da parte del mio avversario, risolvono in fretta la partita.
G3: Stavolta lo start non è dei migliori, e la Distant Melody c’è. Tuttavia, il mio oppo missa letale di Arco, dandomi una flebile speranza di vittoria, nonostante fossi ad 1 e in pesante color screw: gli altri due archi che aveva in mano spazzeranno via ogni possibilità.

Che dire! Sono più che soddisfatto del torneo. La fortuna in svizzera è stata bilanciata dal Pairing in top 8, ma una sconfitta del genere non fa altro che spronarmi a migliorare e a metterci ancora più impegno nei prossimi IPO!

Pietrangelo Manco

…………………….

Ecco anche il report di Gabriele “Lele” Tribulato aka Akromes:

Ciao pauper lovers! Sono contento di condividere con voi la mia avventura al primo Italian Pauper Open, torneo italiano su MTGO, che spero possa diventare un punto di riferimento importante in questo periodo in cui non ci è possibile giocare ai tavoli, ma solo al PC!

Veniamo subito al dunque. La mia scelta per questo torneo è ricaduta su UW familiars, un mazzo che ho sempre amato ed odiato, e di cui, dall’uscita di Mystic Sancutary ho apprezzato l’enorme facilità con cui arriva alla fantomatica combo. 

Di questo mazzo, oltre ad apprezzare la grande tranquillità con cui si approccia contro i  mazzi midrange e control, ho sicuramente amato la possibilità che ha di non essere scalfito da parecchi mazzi aggro, laddove la sfortuna non ci venga incontro. 

Le scelte alternative rispetto alle solite liste, ma che non squilibrano in nessun modo la shell costitutiva del mazzo, possono essere:

  •  gli Impulse al posto dei Ponder i quali, come instant, permettono di andare avanti con la ricerca dei pezzi del puzzle in certe fasi del gioco, laddove l’avversario non lanci minacce durante il suo turno;
  • 4 Prohibit che donano già al maindeck una consistenza leggermente più “control”;
  • una sola Azorius Chancery, spesso troppo lenta in alcuni matchup, andando a preferire piuttosto una “ fetchata” o un Santuario in early game che, essendo comunque un’ isola, può dare più facilmente valore ai Santuari successivi.
  • 3 Remove Soul ( principalmente contro mazzi le cui creature sono abbastanza problematiche) e 3 Stonehorn Dignitary (superfluo scrivere perchè).

Andiamo a vedere i match che ho giocato.

Turno 1: Vaphuridhir – AFFO MONSTERS –  (2-0)

G1: Tiene ad una terra, vede la seconda al turno 4. Io intanto ho piazzato tre god pharaoh’s faithful pronte a donarmi punti vita importanti al punto che l’oppo poco dopo concede. 
IN 3 Stonehorn Dignitary 3 BEB 1 Nature’s Chant 
OUT 3 STRANDS 1 Sage’s Row 1 Prohibit 2 Deep Analysis 
G2: Calo un dignitario di quarto che resisterà e verrà blinkato fino al tilt ed al concede dell’oppo.

Turno 2: luseone – BOROS MONARCH (2-1) . Primo amico e compagno di lega.

G1: Atterra una Relic  di terzo che mi toglierà la possibilità di usufruire al meglio delle Deep Analysis che mi trovo tra le mani, ma nonostante ciò le pescate mi vengono incontro fino a che con tutti i pezzi del puzzle e una Echoing Truth su reliquia ancora integra, inizio a scombare e l’oppo concede.
IN 2 NEGATE 1 NATURE’S CHANT OUT 3 STRANDS
G2: La paura delle Pyro è dietro l’angolo. L’oppo riparte delicato terra relic, questa volta salto un paio di landrop che permettono alla sua Monarchia di prendere il sopravvento sul mio board.
G3 Atterro famiglio di secondo pregando che l’oppo non abbia un bolt in mano e così riesco a fare un vantaggio carte non indifferente che mi consentirà di poter rispondere agilmente a parecchie sue spell e a mettere a terra tutto ciò che mi serve per scombare.
Bella Posto

Turno 3: Lance_30 – AURA HEXPROOF- (2-1)


G1: Atterro faithful e faccio un po di vite in attesa degli strands che mi permettono di non pensare a niente( notando che l’oppo non può attingere mana blu) fino a che con i pezzi della combo a terra l’oppo concede
IN 3 Stonehorn Dignitary 1 Prismatic Strands
OUT 2 SNAP 2 PROHIBIT
G2: L’oppo parte a razzo e vedo strands troppo tardi.
G3: La Pharaoh  è un muro per almeno i primi tre turni. L’oppo vede praticamente zero incantesimi per creatura e diventa uno stompy hexproof. Io nel frattempo butto sul campo un Dignitario e resisto fino a che, con due muri in campo inizio a picchiare di Mulldrifter e flickerare dignitario allo svenimento.

Turno 4: SulleyCrusher – TRON – (1-2) . Secondo amico e pro di riferimento della LPT.

G1: Match surreale con Dinrova visto presto che mi fa andare troppo indietro di terre.
OUT 4 GOD PHARAOH 3 STRANDS
IN 2 DISPEL 2 NEGATE 3 REMOVE SOUL
G2: L’essere on the play crea un vantaggio non indifferente, speciealmente aprendo una mano a sette carte con ben due famigli in mano. Imposto la combo agilmente e l’oppo insta-concede.
G3: Penso di non aver mai visto una partenza così greedy da parte di un tron, che se vedesse sempre così avrebbe una win rate del 2000%. Purtroppo la mia lentezza e il fatto di non avere tantissimi mana a disposizione distrugge ogni speranza per i miei famigli, che sono costretti a vedersi praticamente ogni cosa counterata e a non poter rispondere a dovere.
Bella Peter.

Turno 5: bonobomagno – W Heroic-  (2-0). Altro compagno di lega.

G1: L’oppo parte a bomba. Deftblade, Cartiglio Steppa tappata, doppia Armatura, ma si tappa out e mi consente di snappargli il provocatore palestrato, così dopo pochi turni riesco a fare talmente tante vite che i suoi umani risultano essere troppo piccoli per poter vincere.
IN 3 STONEHORN DIGNITARY 1 PRISMATIC STRANDS
OUT 4 PROHIBIT
G2: L’oppo mi porta a 1, ma riesco a rialzarmi di vite fino a che non attaccherà più fino a che, avendo tenuto il Denizen post side, non gli scomberò sul viso.
Fun fact: l’oppo sida stendardiera per evitare delle snappate moleste e mi protegge il Dignitario dal blu per provare a non essere flickerato.]
Orland ci hai provato a vincere di timer. Bella 

Turno 6: icamefrom3000 – SKRED- (2-0) . Altro caro amico e compagno di lega.

G1: Il caro candy, contro cui ho testato alla nausea, a sto giro non fa terra fatina e ninja di secondo e, a quanto pare, vede i counter giusti nei momenti sbagliati.
IN 2 DISPEL 2 NEGATE
OUT 3 STRANDS 1 SAGE’S ROW
G2: Oppo mulliga a 4, salta vari landrops, e mi regala letteralmente la partita, mettendomi in mano un sugosissimo 5-1, che mi permetterà di guardare i miei avversari dal primo posto in classifica.

TOP 8: fhrow – W Heroic – (1-2)

G1: Parto io, e il mio oppo dopo aver appoggiato Lagonna, vede troppi pochi incantesimi rispetto alle vite che riesco a fare con la mia faraona, sistemo il board in maniera decente ma inizio a pescare roba inutile, che mi farà perdere a colpi di volanti sotto steroidi
IN 3 STONEHORN DIGNITARY 1 STRANDS
OUT 2 PROHIBIT 1 SAGE’S ROW
G2: La partita inizia con un vantaggio non indifferente per me, che riesco a counterare qualche minaccia e a snappare una creatura abbastanza pompata, arrivando in lategame a lockare di DIgnitario col mio oppo a soli 4:30  minuti sul timer.
G3: La dea fortuna decide di andarsene, mulligo a 4 e on the draw, non trovo ne Strands ne Faraone ne Dignitary. Countero un primo Chomanno’s blessing su una sua creatura, ma il secondo riesce ad entrare su una creatura che permetterà di mettere un lucchetto alla partita. Potevo pescare solo strands o dignitario per salvarmi, e invece? Pesco un inutile counter e muoio soffocato da un Seeker of the way 5/5 protetto dal blu.

Bella

Considerazioni a freddo: UW familiars è un archetipo altamente performante ma con cui se ti capita di fare un errore, paghi le conseguenze in maniera molto netta. Pertanto è un mazzo con cui è necessario avere un buon feeling e con cui è opportuno rimanere concentrati e sacrificare alle volte una giocata greedy a favore di una safe.

Ciò non toglie che in questo torneo mi sia divertito ed abbia imparato molto dai miei errori, sperando infine che ai prossimi IPO possa continuare a godere di quel giusto pizzico di fortuna e di quel mindset che mi ha permesso di ottenere un risultato ben al di sopra delle mie aspettative.

Alla prossima!

Lele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *