Il rinoceronte nella stanza

Salve a tutti gli amici di Magic Titans!

Come suggerisce il titolo, oggi condividerò con voi il mio punto di vista sullo strapotere del mazzo dominante in quello che è il mio formato preferito: sto parlando, rispettivamente, di Fog Tron e del Pauper!

A tal proposito, colgo l’occasione per ricordare a tutti i pauperisti nei pressi di Pisa l’appuntamento settimanale con la Lega Pauper Toscana, che sta avendo tanto successo da venire anticipata alle 20.30, per permettere l’agevole svolgimento di 5 turni! Sfrutto questa breve premessa per esprimere la soddisfazione legata a questo risultato: penso che questo formato sia molto sottovalutato, e sono davvero contento del successo che sta avendo a livello locale, sperando che sia (o che sarà) così anche su scala nazionale. Ringrazio il Dungeon Street e tutto il suo staff!

Passando all’ordine del giorno, è chiaro che il Pauper abbia un problema: Fog Tron è decisamente troppo forte.

Premetto che il carattere dell’articolo è puramente speculativo: nonostante il ban di Fog Tron sia nell’aria, non c’è stato nessun annuncio particolare da parte della Wizards, né indiscrezioni: insomma, nulla che dia la certezza che esso sia imminente o, addirittura, che ci sarà in assoluto.

Lista tipo Fog Tron: https://www.mtggoldfish.com/deck/2733818#online

I numeri
Il mazzo ha circa un solido 16% di Meta Share nelle Pauper Challenge domenicali su MTGO, i primi 4-5 mazzi più giocati a seguire hanno, al massimo, la metà della popolarità, ed hanno tutti un Match-up almeno neutro nei confronti di Tron. Altre informazioni interessanti al riguardo sono la Win-rate, stabilmente superiore al 50%, nonostante l’abbondanza di Mirror Match, dovuta alla popolarità dell’archetipo, e la completa scomparsa dal Meta online dei deck Boros e Bx Midrange: questi archetipi sono da sempre preda facile per Tron; tuttavia, mentre i mazzi a base nera hanno sempre avuto alti e bassi in popolarità, i mazzi Boros sono sempre stati ai vertici, ponendosi come Counter ai mazzi a base blu diversi da Tron, pur avendo un Match-up negativo da quest’ultimo. Adesso, nonostante l’abbondanza di deterrenti, quali lo splash di nero per Okiba-Gang Shinobi, Bojuka Bog in doppia copia, l’abbondanza di Relic of Progenitus, Pyroblast e, addirittura, Castigate di Main, Boros Monarch è completamente sparito, così come il cugino più aggressivo, Boros Bully, il quale può fare decisamente di meno per arginare il problema.
Lista tipo Mardu Monarch: https://www.mtggoldfish.com/deck/2709770#paper

La fonte del male
Tron è un mazzo da sempre presente in Pauper e, pur avendo da sempre una vasta platea di detrattori, colpevole di un gioco in stile ‘Prison’ contro il quale è davvero brutto giocare, esso non è mai stato un problema per il formato, e di certo non è mai arrivato ad essere tanto dominante da sopprimere archetipi storici del formato. Di fatto, prima dei recenti stravolgimenti del formato (mi riferisco al primo, grande Ban degno di nota: Gush, Gitaxian Probe, Daze), Tron è sempre stato un mazzo giocato solo dai fedelissimi: forte, ma con tante lacune, e necessitava di grande esperienza per essere giocato al meglio, con risultati non sempre congrui allo sforzo fatto per giocarlo. Successivamente al ‘Blue Monday’, la musica cambiò: con la strada spianata dei Delver.deck, Tron divenne il mazzo più popolare: naturale predatore di Boros Monarch, la meccanica Monarca restava troppo forte contro qualsiasi altro archetipo per non essere giocata. Nonostante ciò, il Meta si riorganizzò in fretta, e fioccavano i Matchup negativi per il Trittico di Urza in questa breve fase transitoria.
Poi, la rivoluzione: Modern Horizons è stata un’espansione in grado di segnare una svolta nel formato, ma di questo si è già parlato più che a sufficienza: vi rimando ai precedenti articoli su questo sito. Ciò che davvero interessa questo articolo sono due carte: Arcum’s Astrolabe ed Ephemerate. Entrambi sono presto diventati un must have nelle liste di Tron, e hanno addirittura dato vita ad un nuovo Archetipo, meritevole di riuscire a sfruttare in pieno il loro potenziale: Jeskai Midrange, al quale sono state tagliate di netto le gambe con il ban di Astrolabio, dettato dall’eccessiva popolarità di questo mazzo. E, in maniera simile a quanto successe in seguito al Blue Monday, il sempreverde Tron rientra dalla finestra nell’olimpo del Tier 0.
Non era difficile prevedere che Ephemerate avrebbe continuato a causare problemi, con carte come Mulldrifter, Mnemonic Wall, Stonehorn Dignitary, Dinrova Horror ecc. nel formato. Ma anche riguardo il ban di Astrolabio è presente un articolo dedicato, dunque sorvolerò su questa parte e arriverò al punto: prima di Ephemerate, Tron non era mai stato così ingestibile. Questa carta, in base alla situazione, ci permette di avere accesso ad ogni Instant presente nel nostro cimitero, garantendoci di fatto una pescata extra a scelta a turno (con solo un Mnemonic Wall in campo), di far saltare 3 turni di Combat all’avversario (con solo uno Stonehorn Dignitary), di pescare 6 carte (con un Mulldrifter), o di rimandare indietro l’avversario di 2 turni extra con un Dinrova Horror. Questo spettro di possibilità copre praticamente ogni possibile strategia di attacco nei confronti di una Shell in grado di ottimizzare questo motore, qual è Fog Tron. Quasi tutti i mazzi che intendono contrastarlo devono affidarsi a risposte estremamente specifiche e sub ottimali nella maggior parte degli altri Matchup: alcuni esempi sono Essence Harvest in Aura, Mob Justice in Elfi, doppio Dispel di Main in Affinity, il già citato Castigate in Boros Monarch.

La soluzione
Premessa: l’analisi effettuata nel paragrafo precedente rispecchia squisitamente la mia personale lettura del problema dell’archetipo e, per estensione, del formato, ma è chiaro che il reale ‘problema’ percepito sia lo strapotere dell’archetipo di per sé; di conseguenza, la Wizards potrebbe prendere in considerazione provvedimenti di varia natura per cercare di risolverlo.
Le opzioni, dal mio punto di vista, sono quattro, o una combinazione di esse.
Ephemerate: punto ampiamente discusso, ritengo che sarebbe la soluzione più adatta. Altro punto interessante è che, se si scegliesse di optare per altro, non è affatto detto che questa carta smetta di creare squilibri: semmai è molto probabile il contrario (il che farebbe sorridere, avendo la Wizards già provato ad equilibrare il formato bannando Arcum’s Astrolabe).
Ghostly Flicker: carta da sempre presente nel formato, immagino che un suo ban sarebbe possibile solo in coppia con quello di Ephemerate, se la filosofia scelta fosse quella di cercare di debellare dal formato le strategie di tipo Prison. A tal fine, non è detto che ciò basterebbe: pur perdendo una gran parte della propria forza, Tron potrebbe comunque affidarsi a Displace, come surrogato di Ghostly Flicker, provando comunque a restare nei pressi del Tier 2. Per questa ragione, ritengo improbabile che si segua un ragionamento del genere, e dunque che questa carta possa subire restrizioni.
Stonehorn Dignitary: caso sicuramente più interessante del precedente, con un eventuale ban di questa carta diventerebbe impossibile giocare una strategia di tipo Fog Lock: Moment’s Peace ha troppi punti deboli (basta citare Flaring Pain e Dispel), e bisognerebbe necessariamente affidarsi anche ad un buon pacchetto di Removal Spells, com’era prima della stampa di Ephemerate. Probabilmente, il mazzo smetterebbe di essere così oppressivo e diventerebbe estremamente più vulnerabile alle strategie aggressive, che potrebbero finalmente smettere di ricorrere a carte sub ottimali, incluse al solo fine di battere Tron. Il problema di questo ban potrebbe stare solo nel fatto che l’eccessivo Power Level di Ephemerate potrebbe tornare a portare problemi al formato nel medio-lungo termine, qualora dovessero essere stampate carte che interagiscano particolarmente bene con essa, o che permettano a determinate shell di supportarla adeguatamente (com’è stato per Arcum’s Astrolabe).
• Terre di Urza: ban poco sensato e poco probabile, sradicherebbe il problema Tron alla radice, ma taglierebbe le gambe ad ogni altra strategia Ramp, presente o futura, che avrebbe sfruttato queste terre, lasciando in giro il Lock Stonehorn Dignitary + Ephemerate, pronto a rientrare dalla finestra in una qualsiasi Shell in grado di supportarlo.

E nel frattempo?
Come premesso all’inizio dell’articolo, la discussione sul ban è puramente speculativa e, fino a quando non si avranno azioni o notizie concrete e certe, il problema resta: c’è modo di arginarlo?
La risposta è ni: Tron riesce a battere davvero qualsiasi cosa con le giuste premesse (pescate medie da entrambi i lati, piloti adeguatamente esperti). Tuttavia, ci sono diverse opzioni adottate negli ultimi tornei rilevanti che cercando di avere un Match-up positivo contro di esso, adatte a tutti i tipi di gioco.
• Santuario.deck: subito dopo Ephemerate, è stata stampata un’altra carta dal grande potenziale, che è stato sfruttato al massimo solo di recente: sto parlando di Mystic Sanctuary! Le principali Shell che supportano questa terra sono Ub Delver ed Ur Fairies/Delver. Nel primo caso, un Delver of the Secrets e/o una Gurmag Angler risolti nei primi turni possono portare una pressione tale da rendere possibile un Soft Lock di Deprive + Santuario, in grado di impedire all’avversario di risolvere le Spell chiave del mazzo: in particolare, Mulldrifter e Mnemonic Wall. Nel secondo, la strategia è simile, ma aumentano i Counter e diminuisce la pressione, sostituita più che adeguatamente da Ninja of the Deep Hours, un problema non indifferente per Tron. Queste strategie sono molto efficaci nel G1, ma vengono estremamente limitate dalle numerose copie di Pyroblast inserite post Side. Inoltre, sempre più liste dell’archetipo dominante cercano di arginare i mazzi a base Blu inserendo ben 3 copie di Mystical Teachings, carta molto forte in questi Math-up grazie alla possibilità di flashbackarsi. Infine, Mono Blue Delver ha un matchup molto più positivo dei cugini contro il Trittico di Urza, ma è un mazzo davvero instabile e fragile contro la maggior parte degli altri mazzi in meta.

Lista tipo UR Delver: https://www.mtggoldfish.com/deck/2709766#online
Lista tipo UB Delver: https://www.mtggoldfish.com/deck/2709781#online

• Affinity: mazzo noto per la sua esplosività, ma anche per la sua instabilità, trova tuttavia tutto il tempo di cui ha bisogno per compensare quest’aspetto contro Fog Tron: una partenza aggressiva e la possibilità di chiudere sia di Fling, sia di Temur Battle Rage, sono il segreto di questo mazzo; inoltre, le liste più recenti stanno giocando 2 Dispel di Main: scelta che, personalmente, reputo davvero difficile da contrastare, parlando da giocatore abituale di Fog Tron. Post Side, le Pyroblast incrementano ulteriormente l’interazione, rendendo la vita al Trittico di Urza ancora più difficile, e le sempreverdi Relic of Progenitus rappresentano un problema in più da risolvere.

Lista tipo Affinity: https://www.mtggoldfish.com/deck/2733831#online

• Le due strategie sopra citate sono le più consigliate e le più giocate, ma ci sono altri interessanti archetipi che cercano di adattarsi alla situazione. Bogles gioca Essence Harvest e, post Side, Dispel, seguendo una filosofia estremamente simile a quella esposta per Affinity. Elves ripiega su carte come Mob Justice e, pur difettando di interazione, compensa con enormi Distant Melody, risolve nelle primissime fasi della partita, non dando dunque il tempo a Tron di trovare risposte sia alla Combat che alla chiusura alternativa.

Lista tipo Bogles: https://www.mtggoldfish.com/archetype/pauper-bogles-114370#online
Lista tipo Elves: https://www.mtggoldfish.com/deck/2733816#online

• Infine, ci sono archetipi che hanno da sempre un ottimo matchup contro Tron, grazie all’incredibile esplosività o alla loro inevitabilità: nel primo caso, si tratta di mazzi iper aggressivi, quali Infect, Izzet Blitz, Red Deck Wins e, in alcuni casi, Burn (anche se le eventuali, molteplici Hydroblast, Lone Missionary e Pulse of Murasa rendono la partenza media di Tron post Side superiore alla partenza media di Burn). Nel secondo, invece, si tratta di mazzi combo che Tron fatica ad arginare a causa dell’assenza di rimozioni: Tireless Tribe, Familiars e Muri Combo sono degli esempi. Entrambe queste categorie hanno il problema di soffrire enormemente gli altri archetipi presenti in Meta, e sono dunque scelte sub ottimali, da fare solo se si è convinti di avere davvero un gran numero di Tron da affrontare.

Conclusioni
Eccoci arrivati alla fine di quest’articolo! Non credo sia rimasto molto da dire: tutto ciò che ho scritto rispecchia esclusivamente le mie opinioni e le mie esperienze da giocatore di Tron, sia online che in real e, qualora non foste d’accordo su qualche punto, vi servissero consigli e/o delucidazioni, potete sempre scrivere alla nostra pagina Facebook, saremo più che felici di rispondere! Colgo l’occasione per salutarvi e per ricordarvi del Paupergeddon che si terrà a Milano il prossimo Weekend, il 16 Febbraio: se siete neofiti del formato, vi interessa e volete avere un assaggio del suo vero spirito, non potete proprio perdervelo. Per tutti gli altri, ci si vede lì, nella speranza che ci sia un ban, ma magari più in là. 😀

Pietrangelo Manco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *