Deck Tech: Br Dragons / Report PPtq Standard Pisa Winner by Enrico Zuddas

Salve a tutti, sono Enrico Zuddas e faccio parte del gruppo Leghorn’s School of Magic di Livorno. In questo articolo troverete una esauriente analisi del mazzo Br Dragons completo di spiegazioni sulle carte utilizzate nelle 75 giocate e qualche consiglio su come sidare contro i vari Mu che dominano il formato. Inoltre scriverò qualche riga sull’exursus che mi ha condotto prima in finale e, la settimana dopo, alla vittoria del Pptq.

Partiamo con la lista originale:

BR Dragons by Eliott Boussaud

LANDS (25)
Mountain
Swamp
Bloodstained Mire
Temple of Malice
Bloodfell Caves
Haven of the Spirit Dragon
Urborg, Tomb of Yawgmoth

CREATURES (12)
Thunderbreak Regent
Stormbreath Dragon
Kolaghan, the Storm’s Fury
Hangarback Walker

INSTANTS and SORC. (22)
Hero’s Downfall
Kolaghan’s Command
Draconic Roar
Thoughtseize
Bile Blight
Magma Spray
Murderous Cut
Crux of Fate

OTHER SPELLS (1)
Outpost Siege

SIDEBOARD (15)
Crux of Fate
Outpost Siege
Anger of the Gods
Chandra, Pyromaster
Goblin Rabblemaster
Duress
Foul-Tongue Invocation

Questa è la lista che ha portato Eliott Boussaud a vincere il Gp Praga 2015.

Il mazzo sostanzialmente è un Midrange pieno di removal in grado di chiudere rapidamente di Stormbreath Dragon, Thunderbreak Regent e Kolaghan, the storm’s fury.

Andando per gradi:

25 terre sono un numero appena sufficiente (solo 4 scryland) visto e considerato che non siamo mai molto contenti di aprire una mano con solo 2 terre. E’ fondamentale non saltare MAI un land drop fino al 4°-5° turno dato l’ingente casting cost medio che ci permettere di impostare la partita.

Il reparto creature è costituito da una bella insalata di draghi conditi da un paio di Hangarback Walker, la new entry che ha rivoluzionato l’intero formato. Questo perchè è una carta dalla versatilità inequiparabile. Tiene a bada le race avversarie riuscendo perfino a ribaltarle con estrema facilità. Thunderbreak Regent di per sé costituisce una minaccia noiosa da fronteggiare, ma mai come il buon vecchio Stormbreath Dragon che oltre a portare a casa la maggior parte delle partite, è protetto da una vasta gamma di rimozioni rendendo questo muccone un vero e proprio chiodo difficile da gestire. Kolaghan, The Storm Fury è la ciliegina sulla torta, e grazie a lui le race si vincono al 100%.

Per quanto riguarda le removal cen’è per tutti i gusti. Hero’s Downfall secca e versatile, efficace contro tutto e tutti si merita il 4x a pieni voti. Draconic Roar assolutamente fortissima come removal e utilissima per accorciare il clock all’avversario. Bile Blight inmancabile in doppia copia, può regalare dei gustosi 2×1 e vista la grande presenza di Hangarback Walker nel meta attuale, non ne vogliamo fare a meno. Magma Spray altra doppia copia che viene giocata principalmente per il sopra citato artefatto a costo XX, che se esiliato non sforna totteri alla sua morte. Mono copia Murderous Cut e Crux of Fate che vanno più che bene.

Tra le Utility troviamo 4 Thoughtseize, carta veramente troppo forte per essere descritta. Attualmente non giocherei MAI un mazzo standard senza questi scartini. Fare 1 o 2 Seize contro determinati mazzi significa Win quasi sempre. Davvero un MUST assoluto. Altra carta che troviamo in 4 copie tra le 60 della main è Kolaghan’s Command. Fa davvero tante cose: rimozione per pezzi piccoli, riciclo di draghi, scartino situazionale ed eventuale removal per Hangarback o altri artefatti come Periolous Vault o tutto l’arsenale di UR Thopters. Infine troviamo il mono Outpost Siege. Questa carta contro alcuni match-up è abbastanza inutile ma il vantaggio carte che genera è impressionante. Spesso una volta giocata vinciamo.

 

Con questa lista ho deciso di giocare il primo Pptq. Non mi dilungherò nella descrizione delle partite ma elencherò semplicemente gli archetipi incontrati.

1°: Ub Control     WIN

2°: Gr Dragons     WIN

3°: non ricordo     WIN

4°: Ur Thopter      LOST

5°: Mardu Aggro     WIN

Quarti: Temur Devotion      WIN

Semifinale: Abzan Aggro     WIN

Finale:  Gr Dragons      LOST

 

Una settimana dopo si svolge un nuovo Pptq Standard. Decido veramente all’ultimo secondo di rigiocare Br Dragons ma apportando qualche piccola modifica che si è rivelata fondamentale:

Main

-2 Kolaghan’s Command

+2 Hangarback Walker

Vista la precedente prestazione posso affermare che 4 comandi di base sono veramente troppo pesanti, sono versatilissimi ma spesso possono risultare carte poco efficienti. Al contrario di Hangarback che è veramente assoluto contro tutti i mazzi.

Side

-2 Chandra, Pyromaster

-1 Foul-Tongue Invocation

+1 Read The Bones

+2 Self-Inflicted Wound

 

Mi aspettavo diversi Abzan Control in più.

 

La lista mi sembra più solida, incrocio le dita e me la gioco cosi.

 

1°: Green Devotion Aggro     WIN

2°: Abzan Aggro     WIN

3°: Goblin Mono Red     WIN

4°: ID

5°: ID

Quarti: Abzan Control      WIN

Semifinale: Abzan Aggro      WIN

Finale: Gr Devotion      WIN

 

Seguirà una quanto più semplice ed esplicativa possibile spiegazione sui vari Mu e alle relative Sidate.

 

Abzan Hangarback

Il Mu è abbastanza favorevole sia pre che post side. Loro di main hanno diverse carte poco utili come i Dromoka’s Command e gli Abzan Charm. L’unica rimozione veramente efficace è Ultimate Price giocato in massimo 2 copie. Noi abbiamo sufficienti removal per tenere a bada qualsiasi sua partenza. Post side ottimizziamo il reparto removal.

In:

1 Crux of Fate, 2 Self-Inflicted Wound, 2 Foul-Tongue Invocation

Out:

2 Bile Blight, 2 Magma Spray, 1 Draconic Roar

 

Abzan Control

Qui siamo ancora i più avvantaggiati. Di main noi abbiamo removal per qualsiasi suo pezzo. Loro hanno Thoughtseize e removal in più rispetto alla versione aggro ma ogni nostra minaccia ha rapidità oppure farà sì che l’avversario perda punti vita per utilizzare rimozioni (Thunderbreak Regent oppure le pedine tottero di Hangarback). Post side diventa una partita a senso unico. Togliamo la gran quantità di carte morte che abbiamo di main per inserire un piano ancora più solido.

In:

4 Goblin Rabblemaster, 2 Duress, 1 Read The Bones, 1 Crux of Fate, 2 Self-Inflicted Wound, 1 Outpost Siege

Out:

4 Draconic Roar, 2 Bile Blight, 2 Magma Spray, 2 Kolaghan’s Command, 1 Hangarback Walker

 

Gr Devotion/Temur Devotion

Il Mu è leggermente favorevole per noi anche qui. Lui ha molti accellerini e mucconi. Noi abbiamo scartini, removal e volanti. Tenersi sempre la removal secca per Whisperwood Elemental è fondamentale. Post side la situazione migliora per noi anche se loro generalmente inseriscono qualche copia di Plummet.

In:

1 Crux of Fate, 2 Anger of Gods, 1 Outpost Siege, 1 Read The Bones

Out:

4 Hangarback Walker, 1 Magma Spray

 

Ub Control/Esper Dragons

Pre side è giocata, noi abbiamo un sacco di carte morte e per questo motivo dobbiamo giocarci bene ciò che abbiamo a disposizione di veramente efficace. Più Thoughtseize vediamo e più si vince, generalmente. Ricordarsi sempre che le loro counter non sono infinite, per cui non giocare assolutamente in funzione del classico “eh ma tanto ha la counter quindi non lo gioco”, sbaglio pessimo. Post side le cose migliorano nettamente.

In:

4 Goblin Rabblemaster, 2 Duress, 2 Foul-Tongue Invocation, 1 Read The Bones, 1 Outpost Siege

Contro Esper inserire anche 2 Self-Inflicted Wound

Out:

4 Draconic Roar, 2 Bile Blight, 2 Magma Spray, 1 Hero’s Downfall, 1 Murderous Cut

Contro Esper si leva un ulteriore Hero’s Downfall e 1 Hangarback Walker

 

Mono Red

Questo è un Mu abbastanza ostico come di consueto quando si parla di Red Deck Win. Noi siamo lentini e una partenza troppo esplosiva è difficile da gestire. Di main fondamentalmente dobbiamo sperare che lui non parta come un diavolo e noi uccidere ogni pezzo che vediamo sul board. Post side migliora leggermente la situazione ma è sempre un tiro di dadi ed è per questo che adotto sempre la filosofia del “mai prepararsi una side totalmente contro Mono Red perchè una partenza perfetta non si gestisce nemmeno con 10-12 carte post side… chiudi gli occhi e via!”

In:

2 Duress, 2 Foul-Tongue Invocation, 2 Anger of Gods

Out:

4 Thoughtseize, 1 Outpost Siege, 1 Kolaghan’s Command

 

Jeskai Midrange

Purtroppo non ho avuto molta esperienza diretta contro questo mu. Per questo le mie affermazioni saranno più delle ipotesi che delle regole da prendere alla lettera.

Entrambi abbiamo carte morte contro l’avversario di main. Anche Jeskai ha volanti, noi abbiamo scartini e removal, mentre loro hanno utility e spari. Credo che pre side la partita sia leggermente a nostro favore. Due cose sono sicure: se entra un nostro Stormbreath Dragon la sua unica possibile risposta è Stoke The Flame. Altra cosa importante è sempre fare rimozione su Jace il prima possibile. Le nostre carte peggiori sono sicuramente Kolaghan’s Command e Crux of Fate.

In:

2 Duress, 1 Read The Bones, 2 Self-Inflicted Wound, 1 Outpost Siege

Out:

2 Kolaghan’s Command, 1 Crux of Fate, 2 Magma Spray, 1 Hangarback Walker

 

Ur Thopter

Altro match-up bruttino. Lui strappa danni ingenti grazie a Shrapnel Blast e totteri. Una eventuale Ensoul Artifact su Darksteel Citadel vorrebbe dire game per lui data la nostra impossibilità di rispondere a ciò. Dobbiamo contenere le minacce fin dall’inizio e stabilizzare quanto più possibile. Post side noi ottimizziamo un pò il reparto removal ma ci sono partenze che non possiamo comunque gestire.

In:

2 Anger of Gods, 1 Crux of Fate, 2 Foul-Tongue Invocation

Out:

1 Outpost Siege, 1 Murderous Cut, 2 Thoughtseize, 1 Hero’s Downfall

 

Detto ciò concludo dicendo che il mazzo è veramente forte e lo consiglio a chiunque. Non è scontato ed ha pochissimi mu negativi. Distrugge Abzan che fino a prova contraria è il mazzo Tier 1 dominante e già questo lo rende una validissima scelta per spaccare il meta attuale.

Infine volevo ringraziare Gianluca e tutto lo staff di MagicTitans per l’opportunità datami e per avermi concesso un angolino di spazio in questa bella community. A presto!

Grazie a tutti 🙂

Enrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *