Banlist e Pauper: considerazioni e previsioni

Salve a tutti i lettori di Magic Titans! Lo scopo di quest’articolo è quello di condividere con la community le nostre considerazioni sullo stato del meta in Pauper dopo la Banlist che ha interessato il formato, colpendo anche Historic, Pioneer, Modern.

Considerazioni generali
Le carte interessate sono Mystic Sanctuary ed Expedition Map: la prima è stata il pilastro di tutti i mazzi Ux, in qualsiasi versione si sia mai affacciata al gioco competitivo, sin dalla sua stampa, in particolare di UR Skred; tale mazzo, tra i sanctuary.deck,  vantava il miglior winrate nelle Pauper Challenge di MTGO; la seconda era una staple dell’archetipo più odiato del formato sin dalla sua nascita, stabilmente top tier sin dalla stampa di Ephemerate in Modern Horizons, che ha mostrato un winrate praticamente identico al sopracitato UR Skred, per quanto riguarda il meta post ban di Arcum’s Astrolabe. Proprio a causa dell’elevato winrate dei due archetipi citati, intervenire con un ban era probabilmente necessario: la Wizards ha accesso a dati molto più ampi e dettagliati rispetto a quelli riguardanti squisitamente le Pauper Challenge, ed essa ha dichiarato in passato di prendere di mira mazzi la cui winrate superi la soglia del 55%, come in questo caso. Fatta la dovuta premessa, con quest’articolo non si intende valutare l’efficacia dei ban, ma solo analizzarli ed eventualmente fare delle considerazioni sulle loro possibili (o probabili) conseguenze.

Partiamo dal ban di Mystic Sanctuary: sin dal Blue Monday (nome con cui viene identificato nella community il giorno in cui sono state bannate Gush, Daze e Gitaxian Probe), i mazzi Ux non hanno goduto di molta popolarità: sia Boros Monarch che Boros Bully erano matchup proibitivi, e si incontravano grandi difficoltà a fermare i mazzi aggressivi a base verde, per non parlare di Tron, decisamente troppo denso di minacce per poterlo arginare con il solo set di Counterspell e qualche fatina.

La musica è poi cambiata con la stampa di Mystic Sanctuary: la grande sinergia di questa carta con Deprive e Tragic Lesson permetteva di creare dei soft lock, in grado di garantire un counter gratis a turno, o una pescata extra; ciò bastava a rendere Boros Monarch un matchup equilibrato, e migliorava nettamente il matchup di Tron, fino a renderlo positivo nel caso di UR Skred e Mono U Tempo (tale considerazione è generale e fortemente riassuntiva della complessità del matchup, che varia fortemente a seconda delle build degli archetipi). Nel complesso, i mazzi che erano defunti col Blue Monday, e che hanno beneficiato di tale sinergia, risultavano più solidi e consistenti, guadagnando punti percentuale in tutti i matchup e diventando protagonisti del meta.

Con il ban della terra introdotta in Throne of Eldraine, tuttavia, non credo ci sia ragione di pensare che tali archetipi vedranno giorni migliori rispetto a quelli che seguirono il Blue Monday, tutt’altro: sono state stampate diverse carte comuni da allora, molte delle quali hanno visto gioco in Pauper con ottimi risultati, talvolta diventando persino delle staples, ma nessuna di esse ha interessato i mazzi in esame. Basti pensare a Tron, forte di Ephemerate e Bonder’s Ornament; Stompy, tornato in auge grazie a Savage Swipe e pessimo Matchup per Mono U Tempo ed UR Skred; discorso analogo per Bogles e la sua Ram Through;  Winding Way, che ha reso possibili build alternative di Elfi, oltre a dare un’insperata consistenza ad archetipi come Slivers. Insomma: non credo che gli ex Sanctuary.deck riusciranno a reinventarsi facilmente, almeno non senza aiuti dalla casa madre.

Tuttavia, è possibile che riescano finalmente a convincere delle build tempo basate sulla carta Of One Mind, già provate in passato senza il santuario e rapidamente abbandonate in favore delle liste classiche, meno esplosive ma, nel complesso, più forti.

Parliamo ora del ban di Expedition Map: c’è poco da dire, è assurdo pensare che il ban non abbia danneggiato in alcun modo l’archetipo Flicker Tron.

Ciò detto, non credo che l’entità del nerf sia stata pari a quella riservata ai meno fortunati mazzi Blu: Tron resterà, con tutta probabilità, un ottimo mazzo. La minore consistenza nel completare il trittico impatterà sicuramente sulle prestazioni del mazzo nei matchup veloci: se si intende giocare un piano Fog, è fondamentale riuscire ad impostare un loop in tempi ragionevoli, senza che questo possa essere efficacemente contestato; ciò perché non è quasi mai sufficiente far saltare un numero finito di combat step al malcapitato avversario per vincere la partita, né è garantito che si riesca a portare avanti il piano di blinkare Stonehorn Dignitary o di tutorare un Moment’s Peace con Mystical Teachings: la prima giocata è molto vulnerabile all’interazione proposta da mazzi come Affinity o anche Boros, qualora riesca a proporre partenze veloci. La seconda, invece, si espone considerevolmente a qualsiasi tipo di Counter, essendo molto costosa senza aver completato il trittico.

Nonostante lo strapotere di Ephemerate lo renda improbabile, non escludo completamente la possibilità di tornare a vedere Tron nella veste di removal.deck in futuro, essendo tale approccio più efficace nel gestire la partita prima di aver trovato le tre terre di Urza.

Le versioni Fog, invece, restano estremamente forti in qualsiasi Matchup Midrange-Control, guadagnando anzi molti punti in tale direzione, grazie alla dipartita di Mystic Sanctuary. L’inclusione del set di Preordain per sopperire alla Mappa sembra molto promettente, data la debolezza di Crop Rotation ai Counter, sempre più presenti in varie liste midrange tricolor, con il fattore comune di giocare il bianco per Ephemerate, il blu per Mulldrifter, e le nuove terre di Jumpstart per ottimizzare il mana fixing.

I vincitori

• Boros.deck: con il principale matchup negativo indebolito dai ban e la dipartita di Mystic Sanctuary, con tutte le sue conseguenze, non c’è ragione di pensare che il re dei mazzi Midrange non tornerà a dominare. L’unico punto al quale prestare attenzione è la nascita di vari archetipi tricolor, midrange oriented, basati sull’interazione tra Mulldrifter ed Ephemerate e spinti dalle nuove terre, già citati in precedenza.

• Aggro lineari: qualsiasi mazzo aggressivo, con una strategia molto lineare, in stile Mono G Stompy, avrà sicuramente un terreno molto meno ostico sul quale predare, con l’indebolimento della principale strategia che ne soffocava la forza. Rientrano in questa categoria mazzi quali Burn, Affinity, Aura. Occhio comunque ai Boros.deck che, qualora dovessero prendere troppo piede, potrebbero ridimensionare le aspettative sulle performance di tali archetipi, che potrebbero ottenere risultati simili a quelli attuali, o solo marginalmente migliori.

• Tricolor.deck: qualsiasi mazzo midrange/control che voglia giocare a 3 colori, oltre ad essere favorito dalle ultime carte stampate (thriving lands + Bonder’s Ornament), potrebbe approfittare del fatto che lo strapotere di Tron non è più tale da impedire a qualsiasi strategia simile di essere soffocata dal semplice fatto di essere strettamente inferiore ad esso.

Gli sconfitti


• Tron: le liste di Tron meno competitive saranno ora probabilmente ingiocabili, mentre quelle competitive perderanno diversi punti percentuale. Come detto, il mazzo resta forte, ma è improbabile che continuerà ad essere un tiranno del meta, come è stato da un anno a questa parte.

• Sanctuary.deck: non si parla solo degli Ux, ampiamente discussi nelle sezioni precedenti; qualsiasi mazzo che aveva preso vita, o era stato riportato in auge, dalla stampa di Mystic Sanctuary, diventerà, o ritornerà, ad essere ingiocabile, o poco competitivo. Basta pensare ad UW Familiar, secondo al Pauper Showcase grazie al suo primo pilota, saidin.raken, che riponeva un’enorme parte della propria forza sul santuario.

Come anticipato, non intendo esprimere opinioni riguardo le scelte operate dalla Wizards o, almeno, non subito, e non in quest’articolo. Ciò che è certo è che un ridimensionamento degli archetipi che dominavano il meta era sentito e necessario, e spero che il nostro formato preferito possa trarne giovamento.
Come sempre, vi invito a esprimere le vostre opinioni nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *