Analisi Gr Ramp By Boldrini Giulio

Salva a tutti i lettori di MagicTitans.it, sono qui oggi per presentarvi Gr Ramp in standard.

La tipologia di mazzo in questione non fa proprio parte delle mie corde come giocatore e difficilmente mi trovo a giocare mazzi con questo piano, però nell’ultimo periodo ero molto impegnato a causa del lavoro e volendo comunque partecipare a qualche PPTQ ho deciso che la scelta migliore vista la semplicità di gioco poteva ricadere proprio su Ramp. Devo essere totalmente onesto dicendo che inizialmente non facevo salti di gioia all’idea di giocare carte con costo di mana che oscilla tra 8 e 10, ma in seguito mi sono ricreduto e non solo ho apprezzato moltissimo la mia scelta, ma mi sono anche divertito in un modo che non avrei immaginato.

Inizio l’articolo presentandovi la lista cho ho giocato nelle ultime settimane:

 

Gr Ramp By Boldrini Giulio

Maindeck (60)
Blighted Woodland
Haven of the Spirit Dragon
Mountain
Sanctum of Ugin
Shrine of the Forsaken Gods
14 Forest
Dragonlord Atarka
Hangarback Walker
Rattleclaw Mystic
Ulamog, the Ceaseless Hunger
Ugin, the Spirit Dragon
Hedron Archive
Explosive Vegetation
Map the Wastes
Nissa’s Pilgrimage
Sylvan Scrying
Sideboard (15)
Whisperwood Elemental
Jaddi Offshoot
Winds of Qal Sisma
Void Winnower
Radiant Flames
Conduit of Ruin

Come vi ho detto precedentemente il mazzo non presenta molte insidie di gioco, e le partite sono molto lineari, però tutta la difficoltà sta nel decidere la struttura del mazzo sia di main che di Side, le scelte da poter fare sono davvero variabili e settarsi contro determinati mazzi può significare peggiorare contro altri. Durante il Testing con il Team ho giocato tre tipologie del mazzo: Gr, Gw e Mono G. Ognuna di queste versioni perde sempre e dico sempre contro Atarka Red e l’unica che può giocarsela decisamente meglio Post Side è quella Gw avendo accesso a carte come Surge of Righteousness e Arashin Cleric, però ho accantonato subito la scelta visto che anche se miglioravo un MU già praticamente impossibile peggioravo tutti gli altri.

Per quanto riguarda la Main la mia lista non presenta nessuna novità, ma solamente qualche esclusione come Nissa’s Renewal, Den Protector o Nissa, Vastwood Seer; ho deciso di giocare Dragonlord Atarka e quindi il rosso per il semplice motivo che lo splash non pregiudica in alcun modo le partite e le situazioni in cui abbiamo il drago in mano ma non abbiamo una fonte rossa sono davvero rare, avendo a disposizione ben 13 carte che ci procurano il rosso e 6 fonti. Personalmente ho deciso di giocare una lista così quadrata e piena di 4x perchè il mazzo vuole fare sempre la stessa cosa, ovvero avere più mana possibile e quindi giocare molti 4x, che mi permettono di poter avere lo stesso piano di gioco, penso sia la scelta migliore.

Le uniche scelte che mi sembra opportuno commentare sono Hangarback walker e Hedron Archive: il primo anche se molto subottimale in questo metagame sembra non avere un sostituto in standard, e anche se non è incisivo nei MU in cui siamo favoriti (Jeskai, Abzan) è fortissimo contro quei mazzi contro cui non possiamo vincere come Atarka Red o aggro similari; invece il bellissimo Hedron Archive si è fermato solamente a due copie perchè in italia sono ancora presenti moltissimi Dark Jeskai che giocano Kolaghan’s Command e che rendono la nostra carta davvero brutta.

Dopo Aver fatto questa velocissima analisi della main, prenderemo in considerazioni le mie scelte per la Sideboard:

2 Whisperwood Elemental: Davvero una bella carta che sono sempre stato felice di avere nella mia side e mi ha regalato molte soddisfazioni; La sua forza deriva dal fatto che si può comportare in due modi completamente diversi, contro Abzan ad esempio crea due bloccanti e spesso ferma la sua race oppure lo obbliga a impiegare un turno per togliere di mezzo il nostro elementale, invece nel mirror o contro control picchia davvero forte e mette sin da subito pressione occupando il board.

4 Jaddi Offshoot: Questa magnifica pianta la sidiamo solamente contro i mazzi super aggro come Atarka red e Rally, ma non è sempre una soluzione decisiva ed è secondo mia opinione molto sopravvalutata, però non possiamo permetterci di non giocarla.

3 Winds of Qal Sisma: inizialmente ero molto titubante riguardo a questa carta e ne giocavo solamente due copie; ben presto mi sono reso conto della sua forza ed è salita a tre, in un mazzo del genere guadagnare anche un solo turno può significare vincere la partita visto che moltissimi mazzi non hanno soluzioni a carte come Ugin, The Spirit Dragon.

1 Void Winnower e 2 Conduit of Ruin: Mi sento di dover analizzare queste tre carte insieme visto che la presenza di una richiede quella dell’altra e viceversa. Questi ragazzoni sono veramente decisivi in due MU, ovvero il mirror dove entrano tutti e contro Esper Control dove sidiamo solamente i Conduit of Ruin. Nel mirror se ruisciamo a lanciare Void Winnower prima di un ulamog del nostro avversario non possiamo più perdere, ed i Conduit of Ruin ci tutorano sempre il nostro migliore amico; invece contro Esper i Conduit of Ruin sono dei bei 5/5 che si portano dietro anche Ulamog, the ceaseless hunger. Da notare che, come nel caso di Ulamog, l’abilità si innesca quando la magia viene lanciata e non quando si risolve, quindi possiamo tutorare anche nel caso in cui il nostro avversario abbia una counter per il Conduit.

3 Radiant Flames: Dato il fatto che giochiamo il rosso per la presenza di Dragonlord Atarka mi sembra necessario aggiungere almeno tre effetti piroclasma che saranno quasi sempre da due danni ma possono essere anche da 3 visto la presenza di Rattleclaw Mystic; Vengono sidati contro Atarka red e contro i mazzi che sciamano in generale ad esempio Rally e Bant/Esper Token, ma non consiglio di metterli contro altri mazzi.

Per concludere questa breve analisi, volevo consigliare caldamente questo mazzo a tutti colori che hanno poco tempo da dedicare al Testing, ma voglio allo stesso tempo partecipare a dei tornei standard; il Deck ha dei buonissimi MU contro quasi tutti i mazzi del panorama Standard, ma onestamente NON PUO’ VINCERE contro i mazzi Aggro spinti. Quindi per i prossimi eventi Standard date un possibilità anche a Ugin e Ulamog, sono certo che non vi deluderanno!!!

Buon Ramp a Tutti!!!

Boldrini Giulio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *